No, non siamo un’isola

Letture, dibattiti, film, riflessioni. La tv che emette bollettini sulla emergenza sanitaria. È tutto un tempo sospeso che esala dolore e rimpianti, che ci fa vivere soli con noi stessi una fase della vita che mai avremmo immaginato.

John Donne (poeta del ‘600 inglese) scriveva “Nessun uomo è un’isola…”

Armando Lostaglio Altritaliani

Eppure oggi avvertiamo maggiormente questa dimensione, inedita quanto irrazionale. Isole di isolati, confinati sotto casa o cento metri più in là; sembra che galleggiamo in una geografia remota benché assolta nei sogni infantili che pure fan bene all’anima. Ma ci hanno avvertito che questa nuova dimensione è rischiosa, per noi e per gli altri, specie per quelli che ci attorniano. I riferimenti familiari, gli amici, i contatti, quelli piacevoli e quelli solo interessati, tutto un mondo cui si è dovuto d’un tratto rinunciare, affetti compresi. E in parte riguarderà anche l’immediato divenire, con le prossime settimane.

Eppure, non ci si abitua facilmente, sebbene questa isola rimanga una opportunità (forzata) per ricrearsi quel mondo interiore. Si è passati da una vita esteriore ad una vita più intima, magari con la riscoperta della casa, delle cose da fare che venivano spesso (troppo spesso) rimandate.

Anche un ulteriore rovescio è la convivenza che può rivelarsi ben più difficile, prima diluita dal tempo trascorso “fuori”. E dunque, dalla minaccia “esterna” del contatto e contagio (oggi più che mai) si passa alla difesa “interna”, quella psicologica, dei rapporti a due a tre a quattro; le mura di casa: un fortino che può essere inespugnabile, ma che la fragilità potrebbe rendere vulnerabile, instabile e non determinabile.

Si passa tuttavia dallo shock del momento ad una forma di “r-esistenza”. Proprio una sopportazione maggiore occorre a persone che dipendono da altre, portatori di disabilità, terza età, svantaggiati. La generazione che proviene dai dolori della Guerra, dalla Resistenza, dall’idillio di una nazione da ricostruire: beh!, loro – precari della vita – non ce l’hanno fatta, in questo indistinguibile conflitto: li hanno – li abbiamo lasciati soli in trincea non prevedendo il nemico incombente. Per loro resta soltanto un’isola, quantunque rimarrà encomiabile il coraggio e la prodezza di chi si è battuto (e si batte) per la loro cura. Va a loro la riconoscenza di una intera comunità nazionale che ha saputo reagire con energia e temperanza a questa esclusiva sfida che la Natura ci ha scaraventato addosso. Una comunità che dimostra di valere più di quella minoranza che da decenni l’ha governata.

Restiamo e “r-esistiamo” (ancora per non molto, si spera) “nel tempo sospeso della casa, limitati dai metri quadrati, con le immagini consunte che vediamo alla finestra; le strade ancora vuote, e i fiori che spuntano. “Torneranno i prati” (da un film di Ermanno Olmi). I fiori sono spuntati in questa ansiosa primavera, a loro e a nostra insaputa.

Foto, copyright Flavio Brunetti

Abbiamo l’obbligo di fare tesoro di tutti questi pensieri perché “ogni singola mente dell’altro è una parte della nostra…” Lo scrive Vittorio Lingiardi, psicanalista. E aggiunge: “Se la prima stazione del nostro isolamento è stata abitata dal sospetto e dall’allarme, la seconda può diventare un laboratorio di umanità.”

https://www.youtube.com/watch?v=Ta5bbUMU_8g  (film APRIL di Otar Iosseliani, 1962)

Armando Lostaglio

LAISSER UN COMMENTAIRE

Please enter your comment!
Please enter your name here

La modération des commentaires est activée. Votre commentaire peut prendre un certain temps avant d’apparaître.