Venezia, domani? Dopo l’acqua alta e il coronavirus, una città convalescente.

“Cronaca veneziana” della scrittrice e giornalista Arièle Butaux, dalla Serenissima, il primo di Maggio:

venezia coronavirus
Foto di Arièle Butaux

All’annuncio del contenimento, mentre molti abitanti delle città stavano cercando un rifugio in campagna, i veneziani rimasero a Venezia. Diventando tutt’uno con la loro città, come l’equipaggio di una nave nel mezzo della tempesta. Venezia si è dimostrata grata per questo, dispiegando solo per loro incantesimi che la follia del turismo di massa aveva nascosto. Sebbene non sia mai stata così inaccessibile, le foto del suo nudo splendore hanno fatto il giro del mondo, migliorando la propria immagine e suscitando al di fuori il desiderio legittimo di correre lì il più presto possibile.

Mentre entriamo in una lunga convalescenza, i veneziani affrontano una situazione del tutto schizofrenica. Di nuovo innamorati di una Venezia restituita ai suoi abitanti, ai suoi bambini, alla sua lingua, alla sua tranquillità, i loro cuori non si possono risolvere senza dolore ad essere espropriati di nuovo dalla loro città per causa di turismo fuorilegge. La ragione, nel frattempo, ricorda che Venezia è fortemente dipendente dal turismo e che sarà necessario condividerla. Ma non più a qualunque costo.

Durante le prossime settimane, Venezia si riconnetterà gradualmente con il resto del mondo. Ma probabilmente ci vorrà molto tempo prima che il resto del mondo ritorni in numeri a Venezia. Questa proroga non sarà inutile per pensare altrimenti il ​​turismo. Per essere fruttuosa, la riflessione, dovrà essere condotta da entrambe le parti, dai veneziani e da coloro che desiderano visitarli.

Venezia è un amplificatore di emozioni. Chi la ama e la conosce sicuramente sa di cosa sto parlando: se ci arrivi felice, ti rende euforico. Al contrario, un vago sentimento di tristezza può trasformarsi in disperazione. Esacerbando la nostra sensibilità, Venezia ci rende ricettivi a tutto ciò che ha da offrire, ispira coloro che hanno la vocazione di creare.

cronaca veneziana Arièle Butaux
Foto FB di Elena Barinova

Ciò per cui veniamo a Venezia è la città stessa con la sua storia, il suo patrimonio artistico o culinario, i suoi artigiani il cui know-how perpetua le tradizioni nate in laguna e dalle quali Venezia non ha mai smesso di avere bisogno per conservare o ripristinare il suo patrimonio. Ciò che stiamo cercando è anche un cosmopolitismo rigoglioso che fa parte della storia della città e che, per lungo tempo, ha alimentato la sua creatività e costituito la sua ricchezza in uno scambio perpetuo di conoscenze, idee, merci.

Per sopravvivere, Venezia deve coccolare i suoi artigiani. Quelli di cui ha assolutamente bisogno per prendersi cura della sua eredità. Quelli che oggi non trovano nessuno a cui trasmettere la loro arte che è già gravemente carente quando si tratta di restaurare un lampadario di Murano, un appeso a parete, un palazzo … Quelli che, anche venti o trenta anni fa, portavano lontano oltre i confini di Venezia, la reputazione dei suoi tessuti, i suoi pizzi, i suoi oggetti di vetro che i grandi nomi della moda o della decorazione hanno adottato per le proprie creazioni. Quelli che hanno permesso ai turisti di portare a casa una tovaglia ricamata a mano o un vetro soffiato a bocca di cui non si sono mai stancati perché erano un piccolo pezzo dell’anima di Venezia e per sempre hanno ricordato loro l’abbagliamento del loro soggiorno.

Tessuti veneziani Bevilacqua

Per sopravvivere, Venezia deve accogliere i suoi visitatori come ospiti e incoraggiarli a comportarsi come tali. Sogno di vedere sparire così tanti luoghi senz’anima in cui chi dorme o mangia viene tosato come una pecora tra due maratone in calli affollate dove i venditori di paccottiglia lo sgretolano. Sogniamo di vedere rifiorire negozi in cui veneziani e visitatori avrebbero lo stesso interesse nel trovare prodotti di qualità, sogniamo una Venezia in cui veneziani e visitatori potrebbero condividere il loro comune amore per la Serenissima.

Sogniamo anche una città in cui, grazie alle nuove tecnologie o allo sviluppo del telelavoro, potrebbero svilupparsi altre attività non turistiche, creando posti di lavoro e attirando nuovi abitanti.

Sogniamo che Venezia tornerà a essere la città dei musicisti, dei pittori, degli scrittori, degli scultori, nutrendo con le loro opere l’eredità di una città che non dovrebbe diventare né un parco giochi né un museo.

Sogniamo di non essere, alla fine di questa crisi, la generazione che distruggerà in meno di un quarto di secolo la meraviglia delle meraviglie edificata più di mille anni fa. Nessun veneziano, nessun amante di Venezia può desiderarlo.

Arièle Butaux, 1° Maggio 2020

FONTE : Facebook pagina di Arièle Butaux  (pubblicato con il consenso dell’autrice).

***********

Alla « Cronaca veneziana » di Arièle Butaux, giornalista e scrittrice francese che vive da parecchi anni nella Serenissima, aggiungiamo il recente video di Repubblica (30 aprile): Coronavenice, dopo l’acqua alta il virus: l’interminabile inverno di Venezia.

Venezia è una città iconica. Lo sono i suoi monumenti e le sue prospettive, ma lo è doppiamente nei giorni di « quarantena », termine coniato proprio dai veneziani durante la peste nera, assieme a « lazzaretto », il luogo dove gli equipaggi dei mercantili erano confinati per contenere l’epidemia.Ma le calli e i campi di Venezia sono semideserti sin dal 12 novembre, giorno in cui l’acqua alta eccezionale ha messo in ginocchio la città. Tre mesi dopo, nel momento in cui i primi segni di ripresa infondevano un pizzico di ottimismo, sono arrivati il Covid-19 e il distanziamento sociale. E ora i lavoratori disperati prevedono di avere « al massimo 2 mesi di vita in queste condizioni.Nelle settimane di isolamento, sulle acque immobili dei canali si è riflessa la fragilità di questo luogo unico, dovuta alla concomitanza di più fattori. Dalla perdita della principale fonte di sostentamento, che è il turismo, allo spopolamento. In pochi decenni i veneziani sono scesi da 100mila a 55mila: chi è rimasto reclama la necessità di individuare nuovi modelli di sviluppo, a partire dall’incentivazione della residenzialità. La gente di Venezia è sicura che il ripristino di una dimensione umana rappresenti l’unica via percorribile. Sono commercianti, professionisti e pensionati, originari o emigrati le cui voci testimoniano le criticità di una città pronta a cambiare, al contempo richiesta d’aiuto e dichiarazione d’amore.
Di Emanuele Confortin

LAISSER UN COMMENTAIRE

Please enter your comment!
Please enter your name here

La modération des commentaires est activée. Votre commentaire peut prendre un certain temps avant d’apparaître.