Conferenza di Gian Paolo Calchi Novati: « La controversa storia del colonialismo e il contributo dell’Italia ».

Quarta lectio magistralis da seguire ormai in differita dal nostro sito nell’ambito di “Italy – Il contributo dell’Italia al patrimonio dell’umanità” organizzata dall’Università per Stranieri di Perugia. L’evento si è svolto lunedi 28 maggio 2012, dalle ore 18.00.

Altritaliani sostiene e promuove queste importanti iniziative utili per la elaborazione di idee su ed intorno all’Italia.

Collegatevi in questa pagina per seguire la conferenza

[||]

perugiaitaly.jpg

Per l’occasione sarà aperto un forum sul tema. Ognuno potrà scriverci mentre sarà in corso la conferenza, o anche dopo, per dare le proprie impressioni.

Per altro, è ugualmente possibile rivedere in differita su Altritaliani.net

 la lectio magistralis di Gianfranco Pasquino su “Machiavelli, Mosca, Sartori: il contributo italiano alla scienza della politica”, cliccando QUI

 la lectio magistralis del prof. Luciano Canfora su “Gramsci e il Cesarismo” , cliccando QUI

Il progetto ITALY è coordinato dal Prof. Emidio Diodato, politologo alla Stranieri di Perugia che onora il nostro sito della sua collaborazione.

***

Presentazione degli organizzatori

ALLA STRANIERI DI PERUGIA CONTINUA IL CICLO ITALY
Gian Paolo Calchi Novati: « La controversa storia del colonialismo e il contributo dell’Italia »

28 maggio 2012, Palazzo Gallenga, Sala Goldoniana, ore 18.00

Presiede

Stefania Giannini

Rettore Università per Stranieri di Perugia

Introduce

Federica Guazzini

Università per Stranieri di Perugia


Lectio Magistralis del Prof. Calchi Novati

Università degli Studi di Pavia

L’obiettivo del Progetto Italy è quello di rendere accessibile via web una raccolta di materiali didattici qualificati per approfondire la cultura italiana e il suo linguaggio specialistico in ambito storico, politico, filosofico e letterario.

[http://www.unistrapg.it/didattica/italy->http://www.unistrapg.it/didattica/italy
]


[(Scrivete i vostri commenti ed opinioni, cliccando qui sotto su « rispondere all’articolo »)]

LAISSER UN COMMENTAIRE

Please enter your comment!
Please enter your name here