Primavera e Giornata della Poesia con una lirica napoletana: Primmavera ’e chianto e sole

Dalle ore 10.17 del 20 marzo 2021, la Terra è entrata nella stagione sua più bella, la Primavera, che quest’anno, come da alcuni a questa parte, ha anticipato la sua data… canonica.

Allora, per dimenticarci un po’ l’incubo del covid e ricordare degnamente con un sorriso alla nuova vita l’arrivo della primavera e quello della Giornata mondiale della Poesia che è oggi – anzi quest’anno sarà la Settimana della Poesia, fino al 25 marzo – riportiamo, a  seguire, una bella lirica della poetessa napoletana già nota alle pagine di Altritaliani, Concetta Ripoli Scherillo, sensibile interprete della cultura e dell’anima partenopea.

In questa giornata particolare, un nostro pensiero va anche alla grande poetessa milanese Ada Merini che questo 21 marzo 2021 avrebbe compiuto 90 anni. “Sono nata il ventuno a primavera…..”, ricordate?

Migliaro Vincenzo: La primavera a Napoli

PRIMAVERA DI PIANTO E SOLE
(in italiano)

M’intenerisce di gioia questa Primavera / e la ‘vita’ tutt’intorno, che (in mille germogli) è esplosa! / Anche una schiera di piccole nuvole nel cielo / piange e sorride, e canta!, insieme a me. / Pioggerellando lacrime gentili / sembra mi baci il viso, e la terra, e le viole! / Case e cortili con finestre d’oro’ / restano spalancate a guardare!… / Una gocciolina d’argento sulla fronda, / un’ altra più silenziosa la senti sulla mano / ma non la bagna, no!, cade e scompare, / anche i pensieri, li bacia e se ne va. / E avverti che sospirano nell’aria / mille goccine di piccole stelle di sole / un sogno (illimite) piccoli e sottili raggi stralucenti! / unitamente ai fiori su gli alberi, a brillare. / Ma che concerto di brividi sottili / dà questa primavera …di pianto e sole! / Intessendo di fili d’oro tutte le cose, / commuove il cuore per la felicità.

 PRIMMAVERA ‘E CHIANTO E SOLE
 (versione originale in lingua napoletana)

Me ’ntennerisce ’e gioia ’sta primmavera
e ’a ’vita’ tutt’ attuorno ch’ è schiuppata!
Pure ’na schiera ’ ‘e nuvulelle ’n cielo
chiagne e surride, e, canta! ’nzieme a mé.

Schezzechejanno lacreme gentile,
pare me vasa ’a faccia, e ’a terra, e ’e viole!…
Case e curtile cu ’e feneste “d’oro”,
restano spalancate pe guardà!…

Nu schezzechillo ’argiento ’ncopp’’a fronna,
n’ato cchiù zitto ’o siente ’ncopp’’a mano!,
ma nun ’a nfonna, no! …care e scumpare,
pure ’e penziere ’e vasa e se ne va.

T’ adduóne ca suspireno int’all’aria
mille guccélle ’e stelletelle ’e sole;
nu suonno ’e raggetielle stralucente!
cu ’e sciure ’ncopp’a ll’albere a brillà.

Ma che cuncierto ’e brivide suttile,
che dà ’sta primmavera … ’e chianto e sole!
Tessènno a ffile d’ oro, tutt’’e ccose,
…fa doce ’o core p’’a felicità.

di Concetta RIPOLI SCHERILLO

Maria Cristina NASCOSI SANDRI

Article précédent‘Portrait sur mesure’ de Leonardo Sciascia – Recueil de nouvelles traductions en français
Article suivantL’Appunto mensile di Alberto Toscano – marzo 2021
Maria Cristina Nascosi Sandri
Di Ferrara, giornalista pubblicista, critico letterario, cinematografico ed artistico. Collabora da parecchi anni con quotidiani nazionali, periodici specialistici e non, su carta e on line, anche esteri come Altritaliani. Dopo la laurea in Lettere Moderne, conseguita presso l’Università degli Studi di Ferrara, si è dedicata per un po’ alla scuola dove ha svolto attività anche come traduttrice, oltreché docente. Da anni si dedica con passione allo studio, alla ricerca ed alla conservazione della lingua, della cultura e della civiltà dialettale di Ferrara, mantenendo lo stesso interesse per quelle italiana, latina ed inglese, già approfondito dai tempi dell’università, insieme con quello per l’arte, il teatro ed il cinema. Al suo attivo centinaia di articoli e recensioni, e qualche decina di libri sulle discipline di cui sopra, tra cui un'intera collana multilingue sulla propria lingua materna.

LAISSER UN COMMENTAIRE

Please enter your comment!
Please enter your name here

La modération des commentaires est activée. Votre commentaire peut prendre un certain temps avant d’apparaître.