Mala Zimetbaum, l’Angelo di Auschwitz di Frediano Sessi

Mala era una giovane ebrea polacca
che era stata catturata in Belgio e che parlava
correntemente molte lingue, perciò a Birkenau
fungeva da interprete e da portaordini, e come
tale godeva di una certa libertà di spostamento.
Era generosa e coraggiosa; aveva aiutato molte
compagne, ed era amata da tutte.

(Primo LEVI, I sommersi e i salvati)

Primo LEVI, nato 100 anni fa, il 31  luglio 2019, introduce così, con grande sensibilità, al libro di Frediano Sessi, scrittore e saggista mantovano che nel 2013 ha scritto una biografia anche su di lui e prima su Anna Frank.

Uscito per i tipi di Marsilio editore, poco fa, nella collana Specchi, l’esemplare libro di Sessi è una bella quintessenza di testimonianze che raccontano di una piccola grande donna, MALA ZIMETBAUM, che molto fece per i sopravvissuti di Auschwitz e da loro, soprattutto, è ricordata.

E forse, proprio per questo, la sua figura, sin dall’immediato dopoguerra, ha ispirato ricostruzioni e pellicole cinematografiche.

Come già fu per le prigioniere a Birkenau, Mala diviene anche per i contemporanei un simbolo della resistenza al male di cui Auschwitz fu l’imprescindibile punta di diamante.

Per dirla con Margaret Atwood:
C’è la storia, poi c’è la storia vera, e poi c’è la storia di come la storia è stata raccontata.
Poi c’è quello che resta fuori dalla storia. Che è parte della storia”.

MALA (Malka) ZIMETBAUM: verità o leggenda ? Frediano Sessi tenta di mettere ordine in una vicenda in cui vita vissuta ed eco della leggenda si confondono. Dall’arrivo di Mala ad Anversa insieme alla famiglia di origini polacche, all’arresto e alla prigionia, prima nei luoghi di reclusione del Belgio occupato, poi ad Auschwitz-Birkenau, fino alla fuga dal Lager insieme al giovane polacco Edek Galinski e al tragico epilogo.

altritaliani Primo Levi
Mala Zimetbaum e Edek Galinski

Ma necessario, per noi, oggigiorno, come lo fu ieri per le donne ebree e non ebree prigioniere a Birkenau, è il suo ricordo.
Tanto da non poterne far a meno…

E la lezione di vita di Mala, secondo Sessi è:
“(…) La sua ricerca di libertà, come atto di coraggio per recuperare proprio con la libertà, come aveva già fatto aiutando le sue compagne di prigionia, quella parte di dignità che sentiva persa e ostaggio dei suoi carcerieri.

Il suo vivere quotidiano in Lager è il segno di un amore incondizionato per l’umanità e insieme aspirazione a una vita felice. Non si può vivere felici – ci avverte Mala – se la condizione degli altri accanto a noi è di sofferenza e dolore.

Nel Lager, in condizione estreme Mala cerca di non perdere la sua dignità di donna e applicando la virtù dell’altruismo, accende anche per noi una luce nuova nel buio o nelle nebbie di una società che spesso ci invita a ricercare solo l’interesse individuale”.

Maria Cristina Nascosi Sandri

Article précédentSur les traces de l’immigration italienne. 10e station: Femmes et travail
Article suivantLo scrittore francese René Bazin, sulle strade del nostro Sud
Maria Cristina Nascosi Sandri
Di Ferrara, giornalista pubblicista, critico letterario, cinematografico ed artistico. Collabora da parecchi anni con quotidiani nazionali, periodici specialistici e non, su carta e on line, anche esteri come Altritaliani. Dopo la laurea in Lettere Moderne, conseguita presso l’Università degli Studi di Ferrara, si è dedicata per un po’ alla scuola dove ha svolto attività anche come traduttrice, oltreché docente. Da anni si dedica con passione allo studio, alla ricerca ed alla conservazione della lingua, della cultura e della civiltà dialettale di Ferrara, mantenendo lo stesso interesse per quelle italiana, latina ed inglese, già approfondito dai tempi dell’università, insieme con quello per l’arte, il teatro ed il cinema. Al suo attivo centinaia di articoli e recensioni, e qualche decina di libri sulle discipline di cui sopra, tra cui un'intera collana multilingue sulla propria lingua materna.

LAISSER UN COMMENTAIRE

Please enter your comment!
Please enter your name here

La modération des commentaires est activée. Votre commentaire peut prendre un certain temps avant d’apparaître.