Remo Remotti : « Me ne vado da Roma ».

Il poeta ed attore Remo Remotti (reso celebre dai film di Moretti) è scomparso esattamente un anno fa. Nel 1987 declamava i suoi versi in un crescendo di rabbia ed amore culminante, quasi con un grido: “Me ne vado da Roma”. Vedi il video.

roma.jpg

Gia allora la capitale presentava luci ed ombre. Oggi Roma è tornata di attualità,
intanto perchè è imminente l’elezione del sindaco, dopo un periodo buio, fatto di “Mafia capitale”, di degrado non solo morale ma finanche fisico, le buche, i disservizi, i trasporti carenti, ed una società fatta di furbetti, ma anche di indignati, di persone silenziose e che lavorano e dei soliti “caciaroni”. Una Roma che in tempi recenti ha ispirato romanzieri e cineasti che l’hanno rappresentata. Da Romanzo criminale all’Oscar La grande bellezza di Sorrentino, dove come nella rabbiosa e tenera poesia di Remotti, emergevano tutte le contraddizioni che rendono insopportabile eppure irrinunciabile Mamma Roma, Città del dolore di Pasolini che ne vedeva nel tempo perdersi i connotati, l’originale cultura delle borgate.

Oggi la capitale è un coacervo di degrado e di generosità, che vive, forse come sempre di disprezzo ed amore, in una sequenza ricca di luci ed ombre e che in ogni caso mantiene specie all’estero tutto il suo fascino. Veramente una città eterna…

La redazione di Altritaliani

LAISSER UN COMMENTAIRE

Please enter your comment!
Please enter your name here