Oscar 2021: le nominations – L’Italia parteciperà con Laura Pausini e Matteo Garrone

Son stati appena annunciate le nominations per l’edizione numero 93 degli Oscar, prevista, in …solitario, per il 25 aprile prossimo.
Ad essa concorreranno 70 donne (They too!!) grazie a 76 nominations.

E, per la prima volta nella storia quasi centenaria degli Academy Awards, due donne hanno ottenuto la candidatura nella loro veste di regista: si tratta di Chloe Zhao e Emerald Fennell, rispettivamente per Nomadland (bis-Leone d’oro 2020) e Promising Young Woman. Tra l’altro la Zhao è la prima donna a ricevere quattro nominations in un unico anno.
La ormai sempiterna piattaforma Netflix, con 35 candidature,  è in corsa anche per il miglior film con Mank e The Trial of the Chicago 7.

L’Italia partecipa con Matteo Garrone e Laura Pausini. Ha avuto la candidatura come miglior canzone Io sì, colonna sonora del film di E. Ponti, La vita davanti a sé, interpretata dalla Pausini già vincitrice del Golden Globe.

Pinocchio di Matteo Garrone è candidato per i costumi, opera di Massimo Cantini Parrini ed il make-up. Fuori Notturno di Gianfranco Rosi per la categoria Documentari. La pellicola era riuscita ad entrare nella short-list ma non nella cinquina finale.

« Una giornata felice per il cinema italiano: un grosso in bocca al lupo a Laura Pausini e Matteo Garrone (…) che rendono merito alla nostra cinematografia, capace di affermare nel contesto internazionale il genio creativo, l’immaginario e l’originalità che le sono propri » – così ha commentato il ministro della Cultura Franceschini all’annuncio delle candidature per la 93a edizione degli Academy Awards.

Dieci le nominations di Mank, film in b/n sulla vita dello sceneggiatore Herman J. Mankiewicz (lo straordinario regista di capolavori quali  All about Eve – Eva contro Eva, del 1950, Suddenly, last Summer – Improvvisamente, l’estate scorsa, del 1959, Sleuth – Gli insospettabili, del 1972) ovviamente prodotto da Netflix, tra cui quella per il miglior regista (David Fincher) ed il miglior film, il miglior attore protagonista (Gary Oldman) e la miglior attrice non protagonista (Amanda Seyfried).

Maria Cristina Nascosi Sandri

Article précédentLe umili piante dall’Infinito alla Ginestra
Article suivantConversation entre Erri de Luca et Ernest Pignon-Ernest. Prix Montluc Résistance et Liberté 2021
Maria Cristina Nascosi Sandri
Di Ferrara, giornalista pubblicista, critico letterario, cinematografico ed artistico. Collabora da parecchi anni con quotidiani nazionali, periodici specialistici e non, su carta e on line, anche esteri come Altritaliani. Dopo la laurea in Lettere Moderne, conseguita presso l’Università degli Studi di Ferrara, si è dedicata per un po’ alla scuola dove ha svolto attività anche come traduttrice, oltreché docente. Da anni si dedica con passione allo studio, alla ricerca ed alla conservazione della lingua, della cultura e della civiltà dialettale di Ferrara, mantenendo lo stesso interesse per quelle italiana, latina ed inglese, già approfondito dai tempi dell’università, insieme con quello per l’arte, il teatro ed il cinema. Al suo attivo centinaia di articoli e recensioni, e qualche decina di libri sulle discipline di cui sopra, tra cui un'intera collana multilingue sulla propria lingua materna.

LAISSER UN COMMENTAIRE

Please enter your comment!
Please enter your name here

La modération des commentaires est activée. Votre commentaire peut prendre un certain temps avant d’apparaître.