I riflessi mediterranei di Nicola Caroppo

Positiva sorpresa, ma fino ad un certo punto, la rassegna delle opere per la personale dal titolo “AlterEgo” al Palazzetto del Mare di Castellammare di Stabia di Nicola Caroppo, versatile artista stabiese.

Sorpresa per come la maturazione artistica, da un impressionismo d’esordio all’astrattismo attuale, abbia dimostrato in Caroppo valori artistici non periferici ma centrali nel dibattito pittorico contemporaneo.

Sorpresa fino ad un certo punto perché segni di maturazione s’erano avvertiti già in precedenti personali dove contesti immagini e luoghi dell’esordio si frantumavano per lasciar posto a colate policrome e intarsi di colori ben cesellati sulla nuova tela dell’artista.

Nicola Caroppo

Sabbie cementi e silicone volati a nozze con il colore danno vita al nuovo mondo dell’artista stabiese, disegnando scenari nuovi, mondi contemporanei rarefatti dove il Caos sembra regnare, un irrazionale che avvolge la modernità, un contesto pittorico dove si può leggere di tutto e di più, fuochi di terre devastate, oceani infestati, atmosfere inquinate con il saccheggio gratuito che è diventato l’imperativo categorico della follia dell’uomo contemporaneo.

Nicola Caroppo

Suggestioni pollockiane nell’opera di Caroppo?

Continuerò a riaffermare fino alla noia che un artista è sempre e soprattutto se stesso, ma se proprio similarità devo ricercare per Nicola Caroppo, le ritrovo nell’opera di Carmine Di Ruggiero, autorevole artista partenopeo, uno dei maggiori del nostro tempo, per la prerogativa di mettere a fuoco la continuità della ricerca in uno con la plasticità dell’immaginario, nell’originale inventiva, nella trepidazione della riflessione interiore, nella consapevolezza di essere nella contemporaneità e nella storicità del mondo con la declinazione della propria identità geografica, Napoli, attraverso una tavolozza che riprende gli azzurri di acque cristalline e le gradazioni dei rossi tramonti a mare che contrastano, ahimè!, con quelli di terre e mari martoriati.

Nicola Caroppo

.
caro1531822_649073361803137_414984750_n.jpg

Gradazioni di rossi di una terra di antico prestigio che invoca una contemporaneità degna di essere vissuta senza se e senza ma, limitazioni pretestuose per chi da tempo immemore del ruolo assegnatogli ha ignorato il bene comune per coprire incapacità e interessi personali.

Raffaele Bussi

Article précédentBoccaccio in Europa – Non solo il Decameron
Article suivantCirca 200 le chiese del centro antico di Napoli abbandonate nell’apatia generale.
Raffaele Bussi
Raffaele Bussi è nato a Castellammare di Stabia. Giornalista, scrittore e saggista, collabora con importanti quotidiani e periodici nazionali. Ha collaborato a "Nord e Sud", "Ragionamenti", e successivamente a "Meridione. Sud e Nord del Mondo", rivista fondata e diretta da Guido D'Agostino. E' stato direttore editoriale della rivista "Artepresente". Collabora al portale parigino "Altritaliani" ed è componente del Collegio degli scrittori della rivista "La Civiltà Cattolica". Ha pubblicato "L'Utopia possibile", Vite di Striscio", "Il fotografo e la Città", "Il Signore in bianco", "Santuari", "Le lune del Tirreno", "I picari di Maffeo" (Premio Capri 2013 per la critica letteraria), "All'ombra dell'isola azzurra", romanzo tradotto in lingua russa per i tipi dell'editore Aleteya.

LAISSER UN COMMENTAIRE

Please enter your comment!
Please enter your name here

La modération des commentaires est activée. Votre commentaire peut prendre un certain temps avant d’apparaître.