21 Marzo 2020 – Giornata mondiale della Poesia e compleanno di Alda Merini

Come lo scorso anno, il primo giorno di primavera cadrà il giorno prima, il 20 marzo, alle 3.50, pare, ma, come ‘da sempre’, noi considereremo il 21 quello ‘vero’, quello classico ed universale, come la Poesia, eterna musa, ricordata proprio in questo giorno da tutto il mondo.

Io non so come prende forma
una poesia.
Io prendo il fango
della mia vita
e mi sento
un grande scultore”.

(Alda MERINI)

Così si esprimeva in merito alla musicalità del verso, del verbo, del Verbo, della parola nella sua interezza, quella splendida ed indimenticata artista che è stata Alda Merini, la Poetessa dei Navigli, profonda, sacrale, madre, amante, carnale come poche mai.
Il 21 marzo compirebbe 90 anni, lei che era …nata (proprio) il 21 a primavera…

Sono nata il ventuno a primavera

Sono nata il ventuno a primavera
ma non sapevo che nascere folle,
aprire le zolle
potesse scatenar tempesta.
Così Proserpina lieve
vede piovere sulle erbe,
sui grossi frumenti gentili
e piange sempre la sera.
Forse è la sua preghiera.

Alda Merini 
(da Vuoto d’amore, Einaudi 1991)

Ed ancora:

La mia poesia

La mia poesia è alacre come il fuoco
trascorre tra le mie dita come un rosario.
Non prego perché sono un poeta della sventura
che tace, a volte, le doglie di un parto dentro le ore,
sono il poeta che grida e che gioca con le sue grida,
sono il poeta che canta e non trova parole,
sono la paglia arida sopra cui batte il suono,
sono la ninna nànna che fa piangere i figli,
sono la vanagloria che si lascia cadere,
il manto di metallo di una lunga preghiera
del passato cordoglio che non vede la luce.

Un omaggio tutto al femminile, questa lirica di Alda, quasi una mèta-poesia, se si riflette sul titolo.
Semplice il testo, profondo il contenuto, una ‘semplice’ meditazione sul vivere – come solo lei avrebbe potuto esprimere.

Maria Cristina Nascosi Sandri

Article précédentArte etrusca e l’Ombra di San Gimignano. Il Sublime nella scultura.
Article suivantParigi: il virus si sveglia a mezzanotte?
Maria Cristina Nascosi Sandri
Di Ferrara, giornalista pubblicista, critico letterario, cinematografico ed artistico. Collabora da parecchi anni con quotidiani nazionali, periodici specialistici e non, su carta e on line, anche esteri come Altritaliani. Dopo la laurea in Lettere Moderne, conseguita presso l’Università degli Studi di Ferrara, si è dedicata per un po’ alla scuola dove ha svolto attività anche come traduttrice, oltreché docente. Da anni si dedica con passione allo studio, alla ricerca ed alla conservazione della lingua, della cultura e della civiltà dialettale di Ferrara, mantenendo lo stesso interesse per quelle italiana, latina ed inglese, già approfondito dai tempi dell’università, insieme con quello per l’arte, il teatro ed il cinema. Al suo attivo centinaia di articoli e recensioni, e qualche decina di libri sulle discipline di cui sopra, tra cui un'intera collana multilingue sulla propria lingua materna.

LAISSER UN COMMENTAIRE

Please enter your comment!
Please enter your name here

La modération des commentaires est activée. Votre commentaire peut prendre un certain temps avant d’apparaître.