150 milligrammi – La fille de Brest, di Emmanuelle Bercot al cinema in Italia

Ispirato al libro autobiografico del medico Irène Frachon e alla sua lotta coraggiosa contro il colosso farmaceutico produttore del Mediator, “150 milligrammi” (La fille de Brest), con la regia di Emmanuelle Bercot, è arrivato dalla Francia nelle sale italiane dal 9 febbraio, con Bim Distribuzione. Un bel film da vedere, dal ritmo ben serrato, una lotta di ‘Davide contro Golia’ per arrivare al trionfo della verità, con Sidse Babett Knudsen e Benoît Magimel. Recensione di Maria Cristina Nascosi Sandri.


_cri150-milligrammi-poster-jpg.jpg

La fille de Brest – 15 milligrammi” è, forse, più che un film un vero docu-fiction.

E’ l’ultima pellicola di Emmanuelle Bercot che si è occupata – anche se non da sola – della sceneggiatura, dopo aver conosciuto l’Autrice, Irène Frachon, pneumologo in quella terra bellissima e misconosciuta che è la Bretagna, l’antico Finistère dei Romani, ed aver letto il suo libro autobiografico.

« Dall’incontro e dalla passione che si evincevano dal suo racconto, ho deciso che il mio film non sarebbe stato la storia del Mediator, ma la vicenda di una donna dalla forza eccezionale, una persona comune dalla forza straordinaria« .

E straordinaria è anche l’interpretazione che ne dà Sidse Babett Knudsen, già ‘vista’ ed apprezzata alla 71a Mostra Internazionale dl Cinema di Venezia ne l’Hermine di Christian Vincent, attrice danese, dai caldi nordici e vivissimi occhi azzurri, di grande impatto passionale, che riesce a dare al personaggio una carica che informa di sé il plot, i comprimari ed il pubblico che assiste.

Buona anche la performance di Magimel, ‘fuori dai contorni’, ingrassato ed un po’ sformato com’è – ma il suo essere un po’ Peter Pan, un po’ Oblomov non fa che sottolineare di più la carica e la passionalità dell’alter ego che diviene netta protagonista, a tutti gli effetti, l’ottima Frachon-Knudsen.

_crila-fille-de-brest-emmanuelle-bercot-photo4.jpg

Thriller e allo stesso tempo film di denuncia sul more solito delle ancor più ‘solite’ multinazionali che in Italia non avrebbe potuto avere, di sicuro, gli esiti che, pur molto faticosamente e non completamente, ha avuto in Francia, con un ritmo à perdre le souffle, davvero incalzante e senza cadute, nonostante i 128 minuti di durata: da vedere, perché – come viene affermato nell’agnitio ufficiale finale da parte dei media e delle istituzioni – i pazienti non ‘sanno’ e non vogliono, forse, nemmeno ‘sapere’: ma è un peccato ‘dover’ morire per la propria ed altrui (medica) ignoranza, a volte…

Article précédentChiara Valerio, Storia umana della matematica, Einaudi 2016.
Article suivantL’emblematico dibattito tra alcuni sostenitori del PD a Parigi sulle presidenziali francesi.
Maria Cristina Nascosi Sandri
Di Ferrara, giornalista pubblicista, critico letterario, cinematografico ed artistico. Collabora da parecchi anni con quotidiani nazionali, periodici specialistici e non, su carta e on line, anche esteri come Altritaliani. Dopo la laurea in Lettere Moderne, conseguita presso l’Università degli Studi di Ferrara, si è dedicata per un po’ alla scuola dove ha svolto attività anche come traduttrice, oltreché docente. Da anni si dedica con passione allo studio, alla ricerca ed alla conservazione della lingua, della cultura e della civiltà dialettale di Ferrara, mantenendo lo stesso interesse per quelle italiana, latina ed inglese, già approfondito dai tempi dell’università, insieme con quello per l’arte, il teatro ed il cinema. Al suo attivo centinaia di articoli e recensioni, e qualche decina di libri sulle discipline di cui sopra, tra cui un'intera collana multilingue sulla propria lingua materna.

LAISSER UN COMMENTAIRE

Please enter your comment!
Please enter your name here

La modération des commentaires est activée. Votre commentaire peut prendre un certain temps avant d’apparaître.