Primarie del PD. Purtroppo Napoli è anche quella roba li.

E’ triste dirlo, ma a Napoli ogni volta che ci sono le primarie del PD, ci risiamo. Imbrogli, ingerenze, offerte di soldi, tentativi di orientare in un senso o nell’altro il libero voto di cittadini iscritti e simpatizzanti.

Va detto ad onor del vero che l’unico partito che fa le primarie è il PD, quelle on line dei grillini, con tutto il rispetto, potevano essere concepite solo da un formidabile comico come Grillo; gli altri, i candidati, se li scelgono in fumosi retrobottega di bar e forse di calzolai. Dacché se ne ricava che già provarci a fare delle primarie all’americana (parola grossa) è un merito.

210632622-afd8ab7b-8331-48b7-806e-d68d3a1a10df.jpg

Ma, purtroppo, ad ogni primaria napoletana ci risiamo con le parodie di Toto’, Peppino ed altri immortali protagonisti del teatro, teatrino e cinema napoletano. Questa volta, per la candidatura a sindaco di Napoli ha vinto la “giovane turca” Valeria Valente con poche centinaia di voti in più dell’evergreen Antonio Bassolino, già formidabile sindaco di Napoli e scadente Presidente di Regione.

Ma si badi bene, il fatto che abbia vinto una rappresentante della corrente di Matteo Orfini è solo un caso. Come non ricordare in altre circostanze, i tesserati del sindacato sospinti con i “calci di fucile” al voto per arrestare l’avanzata di Renzi, e le file sterminate e prezzolate di cinesi che non sapevano neanche cosa votavano di altre primarie? Ricordo perfino che per fermare l’ascesa di Franceschini a Napoli si mobilitarono quelli di Forza Italia, pronti a sacrificare l’obolo di un euro, pur di impedire ogni tentativo di rinnovamento del PD. Si vede che lo smacchia giaguari Bersani per loro andava benissimo. E i fatti lo confermano se è vero che con lui alla guida della sinistra il Berlusca visse felice e contento ancora per alcuni anni, fino a quando non arrivo’ “le petit prince” Renzi.

Il problema è che in tante parti di Italia i partiti e il PD in particolare sono visti come comitati d’affari locali. La cosa è trasversale. Ieri, per restare in Campania, ha riguardato le indagini della forzista sindaca di Maddaloni, l’altro ieri la sindaca grillina di Quarto, domani magari toccherà a Napoli e all’eventuale sindaca del PD.

In queste ultime primarie napoletane è il caso di dire che si è visto di tutto, una taroccata scena di corruzione (in realtà una gag tra due fratelli) si è arrivato pero’ a vedere consiglieri comunali PD che in alcuni seggi offrivano i due euro per votare indicando agli elettori anche per chi votare, una questua miserabile, una svendita morale che al di là dei due euro faceva ricordare i pacchi di pasta con cui Lauro si assicurava palazzo S. Giacomo negli anni sessanta, la scarpa destra regalata e che solo dopo il voto e a verifiche fatte si ricongiungeva con la calzatura sinistra.

Colpa dei partiti locali, colpa dei partiti nazionali (quanto il PD, per restare sul pezzo, si deciderà a fare rottamazione anche nella sua sudicia periferia)? In politica le promesse sono debiti e se è vero che non tutte le città sono uguali e il PD in altri sedi ha ben altra dignità è anche vero che in Campania c’è emergenza e non da ora. Innanzi a spettacoli avvilenti (per quanto pantomimici e divertenti) come quelli filmati ai seggi delle primarie PD, non si puo’ restare immobili.

Sono certo che una gran parte di elettori ha votato liberamente e in coscienza, ma con uno scarto cosi risibile nei risultati tra la prima e il secondo, mi pare che bene abbia fatto Bassolino (il nuovo che avanza) a fare ricorso, male il PD ha chiudere il discorso respingendo il ricorso e male Bassolino che ora si “vendica” facendo una sua lista per erodere consensi al PD. Insomma, dalle episodiche ”macchiette” filmate fuori alcuni seggi si è passati ad un effetto domino, ad una preoccupante escalation che mette a rischio il successo della sinistra in quella importante metropoli. Una degenerazione su cui il PD dovrebbe farsi delle domande e per restare in Campania, citando il televisivo Marzullo, darsi delle risposte.

Il problema non è di sminuire lo scandalo, ma di denunciarlo e prenderlo a pretesto per un commissariamento del PD regionale con l’auspicata, desiderata e necessaria rottamazione degli attuali capibastone, che non sono degni di fare parte del rinnovamento avviato nel Partito Democratico.

Partito plurale, avvezzo ai litigi, che discute e si confronta duramente, ma che non puo’ e non deve tollerare di essere oscurato da ombre di malapolitica. Lasciare mano libera a questa gente, significa dare una mano al populismo, accreditare l’idea che la politica non è una nobile arte a servizio della società, ma come diceva mio nonno, una “femmina sporca”.

Antonio Bassolino

Detto delle colpe della politica nazionale e regionale, va aggiunto che Napoli è, purtroppo, anche questa roba li. Una cosa che è cresciuta con secoli di disincanto, con una triste abitudine, tranne episodiche situazioni, a sapere a priori che le promesse dei politici, degli amministratori (centrali o periferici) non saranno mai mantenute e che si traduce nella cinica consapevolezza che li in ogni caso non cambierà mai nulla e che quindi è meglio prendersi la promessa, la speranza, l’illusione e due euro, che votare secondo coscienza (Leggete Nel ventre di Napoli. E’ un’inchiesta che Matilde Serao scrisse alla fine dell’ottocento, e bene vi assicuro che è un libro di attualità e questo qualcosa vorrà dire).

Si’, perché a Napoli, da molto, da troppo, da sempre, la coscienza e la dignità sono dei lussi che non tutti si possono permettere.

Detto questo rimane che per me Napoli, con i napoletani, sono la più bella ed irrinunciabile città del mondo…. Tiéeeee.!!!

Veleno

LAISSER UN COMMENTAIRE

Please enter your comment!
Please enter your name here

La modération des commentaires est activée. Votre commentaire peut prendre un certain temps avant d’apparaître.