In Italia l’incompetenza al potere.

Ogni fatto reale, per quanto obbedisca a proprie, immutabili leggi, ci appare quasi sempre incredibile e inverosimile. E quanto più è reale, tanto più talora ci appare inverosimile”.
(Fédor Dostoevskij – L’Idiota)

Quando il vento del populismo sarà passato sull’Italia della ripresa economica, costruita negli ultimi quattro anni, non resterà nulla. Ma il peggio è che usciremo dalla tormenta devastati, probabilmente molto più depressi e poveri. Isolati in Europa, dove la diffidenza monta verso il governo dei populisti di Salvini e Di Maio. Ci troveremo persi e probabilmente con una dittatura alle porte, che diverrà la nostra unica e tragica certezza.

Colpisce la sottovalutazione generale con cui nel paese si sta lasciando la via libera ad un governo che con il suo “contratto” vuole bloccare ogni opera di modernizzazione, che nella migliore delle ipotesi vuole sostituire il diritto e dovere al lavoro con penose forme assistenziali, che vuole esacerbare il conflitto sociale con la flat tax che sarà utile solo ai ricchi e che nello stesso tempo vuole drammatizzare il conflitto culturale nelle città, con la sua aperta ostilità contro gli immigrati. Che vuole oscurare le conquiste e il primato della scienza in nome di pregiudizi fondati sull’ignoranza e la paura come nel caso vaccini, che nelle forme e nella sostanza sta facendo carta straccia della nostra Costituzione. In altri tempi, un popolo di indignati sarebbe già sceso in piazza contro questa prospettiva che invece si fa sempre più reale tra l’educato sconcerto, se non i sorrisi compiaciuti di gran parte dei media, a cominciare dal servizio pubblico.

Pupo e puparo
Di Maio e Giuseppe Conte

In queste ore, l’unico argine a tanto disastro è stato il presidente della Repubblica Mattarella, che in un quadro di delegittimazione della politica e di sfiducia verso tutte le istituzioni, sembra essere l’ultimo ostacolo credibile all’incompetenza al potere.

Occorre essere chiari. Questo governo nasce non per disegno divino e nemmeno per l’imposizione di carri armati mossi da volontà golpiste. Questo governo nasce dal suffragio universale, dal voto libero degli italiani, un voto che non è stato offuscato da alcun imbroglio, da nessun errore. La vittoria del centro destra e in particolare della Lega di Salvini e lo straripante successo grillino sono stati voluti dagli italiani.
Si sono messe due forze “antisistema” al potere in Italia, due forze sostanzialmente antieuropee, malgrado la frettolosa corsa europeista delle ultime ore di Di Maio, solo per assicurarsi la poltrona di capo del governo.

Già l’Europa. Anche su questo punto occorre fare chiarezza. L’Europa ha moltissimo da farsi perdonare, e sarebbe l’ora che le istituzioni europee si svegliassero e cominciassero ad avere più coraggio, ma l’Europa non è una matrigna cattiva che desidera fare del male ai suoi figli. Occorre fermare questa retorica antieuropea che è stata alimentata irresponsabilmente dai populisti ed ancora più irresponsabilmente dai media.

Senza tema di smentita occorrerebbe ricordare che senza l’euro e l’Europa oggi l’Italia sarebbe al fallimento, in svendita, contesa sui mercati dalle più potenti multinazionali americane ed asiatiche. Oggi quando si vota, si dà conto anche all’Europa politica di cui siamo parte. Noi contribuiamo economicamente per la prosperità delle istituzioni europee che hanno creato grandi spazi per lo scambio economico, commerciale e culturale. Come noi ci risentiamo quando l’Europa su alcuni temi, penso all’emigrazione, non sa fare fronte a politiche ostruzionistiche e contrarie alle stesse disposizioni europee, cosi che in alcuni paesi dell’est si è permesso la chiusura delle frontiere, cosi non possiamo tacere sulle ambiguità e sull’incompetenza di questo futuro governo italiano che era arrivato a chiedere il taglio di 250 miliardi del nostro debito, come se i mercati fossero una concessionaria della BCE.

Con chiarezza bisogna dire che il voto in ciascun paese non è più, ma da tempo, una questione privata di quel paese. Dobbiamo ricordare che oltre alla Costituzione italiana si deve obbedienza ai trattati internazionali, che non possono essere sventolati solo quando fa comodo.

In Italia finanche i populisti, nella loro follia, non arrivano a proporre l’uscita dall’Europa e, se cosi è, non ci si può stupire se l’Europa voglia mettere becco nelle nostre cose come in quelle degli altri paesi. L’Italia è parte dell’Europa come la Campania è parte dell’Italia.

La vittoria dell’incompetenza che oggi suscita ilarità da operetta (l’ultima trovata è stato proporre un semisconosciuto che si chiama Conte, come capo del governo, che ha presentato un curriculum da millantato credito, se è vero che da New York a Berlino fino alla Sorbona di Parigi arrivano smentite sui suoi pretesi titoli accademici, mentre emergono inquietanti storie su sue posizioni antiscientifiche, come quelle a favore delle cure con stamina che sono state smentite da tutto il consesso medico, come una truffa), domani susciterà tragedia, e gli inquietanti segni sono già avvertiti nello scricchiolare della Borsa di Milano, dalle impennate dello Spread che, ad ogni colpo, lasciano decine di milioni di euro sul terreno.

Un dramma voluto certo dagli italiani, l’abbiamo detto, ma che avrà effetti perniciosi. Con la chiusura di industrie come l’ILVA di Taranto, senza alcun piano di rilancio del territorio proponibile in tempi brevi, o come nell’inutile ed ideologica chiusura delle TAV (non solo la Lione Torino, ma anche il tratto per Marghera e quello per Genova), che comporterà non solo una perdita spaventosa sotto il profilo economico, determinando una perdita di posti di lavoro, ma anche la rottura con un nostro storico alleato, la Francia.

CerasaOccorre su questo punto anche capire le ragioni di questa vittoria populista. Certo la politica, quella vera, ci ha messo del suo, ma è anche vero che l’antipolitica è stata coltivata per venti anni nello sterile confronto berlusconismo/antiberlusconismo che ha suscitato solo nausea nei cittadini. Il populismo, specie quello grillino, come spiega bene il professore Antonio Da Empoli nel suo: “La rabbia e l’algoritmo”, ha saputo adattare di volta in volta in modo ectoplasmatico, per non dire liquido, come ricordava Bauman, la rabbia montante nel paese adattandolo attraverso un algoritmo, che pedissequamente adatta la linea politica populista dei grillini al sentimento della massa dei cittadini. Non è importante essere europeisti o antieuropeisti, dipende dalle ondate di umore della massa.
Si puo’ essere pro o contro gli immigrati a seconda dell’emozionabilità della gente, a seconda dei bambini siriani annegati in mare o se due immigrati hanno stuprato una giovane italiana. Cosi essere o meno per avere tutti le armi e concedere ampia libertà di uso, dipende dal sentimento del momento e la cosa grave è che i media hanno montato e speculato a più non posso, creando un’area crescente di rabbia e frustrazione che spesso va al di là dei meriti dei politici e del Paese.

Claudio Cerasa, nel suo recente: “Abbasso i tolleranti”, segnala come da una parte la risposta a questa saga del rancore e della rabbia, sono state smussate parole politically correct, senza reagire con giusto furore ad una campagna che tende ancora ad occultare la realtà dei fatti a favore di post-verità che hanno gettato discredito su tutte le nostre istituzioni e sulla politica in genere che nella sua credibilità è scesa a livelli mortificanti. Secondo un recente studio del Censis, l’83% degli italiani non crede più nella politica e l’80% non crede che la democrazia sia necessaria.

Cerasa ricorda che negli ultimi 10 anni il brand “Made in Italy” è cresciuto del 153% ed è il terzo al mondo superato solo dal brand “Coca Cola” e dalla “VISA”, ma qualcuno ha sentito questa notizia? In realtà per settimane si sono sentite notizie, risultate false miranti, come nel caso di Renzi o della Boschi, a screditare quel reale rinnovamento politico che si stava affermando. Le vicende Consip, per il padre dell’ex sindaco di Firenze, come le presunte questioni su Banca Etruria e il padre della Boschi sono risultate delle bufale gigantesche, tanto è vero che la magistratura ha archiviato. Eppure su questo, tollerati con silenzio, i media e gran parte della stampa ha battuto per mesi, insinuando ogni sfiducia nei cittadini.

Si è portato avanti un gioco al massacro condotto spudoratamente da Lega ed M5S, ma non mancano pregresse responsabilità da parte di altri soggetti politici, che ci ha portati sulla china orrida della delegittimazione di tutto e tutti, dalla politica nelle sue istituzioni parlamentari e governative, alle istituzioni scolastiche che hanno perso ogni rigore e valore con professori che vengono smentiti, sbeffeggiati, quando non addirittura picchiati, che ha portato diffidenza verso tutti e tutto riducendo il paese ad uno stato di stordimento, rabbia e frustrazione. Si è arrivati ad uno Stato senza Stato. Per decenni la politica è stata solo delegittimazione reciproca, fino a screditare, colpire e ridicolizzare anche qualsiasi sincero tentativo di cambiare, modernizzare e normalizzare il paese. In questo senso l’acme si è avuto con il successo dei no al referendum costituzionale che, scevro da ogni valenza politica o personale, sarebbe stato un grande passo avanti per la nostra repubblica.

Delegittimazione dopo delegittimazione le persone si sono chiuse nel proprio privato spesso riempito di un sordo rancore, di angosciose paure, nelle proprie nevrosi senza costruire un comune senso di patria, senza cogliere neanche quei segnali di ripresa economica e sociale che pure c’erano.

Si è arrivati all’assurdo di porre alla presidenza del governo uno sconosciuto munito di un curriculum sostanzialmente falso e che non ha nessuna esperienza politica, solo per poterlo telecomandare meglio dai vertici delle Lega e dei 5 Stelle, dopo aver sostenuto per anni che il popolo doveva essere sovrano ed essere rappresentato al governo da uno scelto con il voto.

Fascisti
Salvini e Le Pen

È l’ora di dire che la politica è una cosa seria e che non si puo’ guidare il futuro di un paese senza un’adeguata cultura politica, che il governo italiano oggi, ma da tempo non deve dare conto solo agli italiani ma anche all’Europa e agli europei e che è del tutto legittimo che di fronte a tanta incompetenza le istituzioni europee ed i cittadini europei manifestino le loro inquietudini?

La sinistra puo’ ancora essere un faro in tanta tempesta, ma puo’ esserlo solo se si lascia lo snobistico ed irritante “politically correct’. È l’ora di rispondere alle post-verità con la realtà, di dire pane al pane e vino al vino, di reagire alla fiera dei sogni dei populisti, con la forza delle idee e delle proposte. Di rispondere all’incompetenza e all’ignoranza (vedasi la questione vaccini o le cure con stamina, tanto gradite al proposto Conte) con la competenza e la forza della scienza e del suo divenire.

Occorre formare ed informare un popolo, che si è perso, con un uso responsabile della televisione e di tutti i mezzi di comunicazione. Perché l’ora è grave e se molti non l’hanno ancora capito, fortunatamente Mattarella, dall’alto della sua saggezza e del suo essere autentico politico, l’ha capito bene. L’unica certezza è il nostro Capo di Stato che in queste ore conferisce l’inevitabile mandato al semisconosciuto Giuseppe Conte, avviando quella che giornalisticamente è stata chiamata la terza repubblica, siamo sicuri che lui resterà vigile per il rispetto della Costituzione ed in difesa dei cittadini e della Repubblica.

Nicola Guarino

4 Commentaires

  1. “Per decenni la politica è stata solo delegittimazione reciproca” e mi pare che anche con questo articolo si continui nella tradizione. Non ho votato M5S né Salvini, non ho nessuno da difendere, ma mi pare che pure il riprendere acriticamente certe notizie sul possibile nuovo premier Conte, comparse su una stampa frettolosa e scandalistica, sia poco serio. Conte avrebbe fatto meglio a togliere dal suo CV esperienze molto limitate di collaborazione con università straniere, non facilmente dimostrabili. Ma per quanto riguarda Stamina, secondo le sue parole, riportate da vari quotidiani dopo gli attacchi ricevuti, si sarebbe limitato a difendere una paziente che voleva curarsi in questo modo, il ché non è proprio la stessa cosa che difendere Stamina ed il suo inventore. Comunque, se il presidente Mattarella ha deciso di dargli l’incarico, evidentemente il CV di Conte tanto falso non doveva essere. Oppure dobbiamo supporre malafede anche da parte di Mattarella. Fate voi.

    • Gentile Laura,
      convengo che aver detto inesattezze sul proprio CV sia un peccato veniale come, forse aver avuto problemi con il fisco, per quanto riguarda Stamina, da avvocato, ormai ex, Le dico che su temi come questi chi assume la difesa deve credere nella fondatezza delle ragioni della propria cliente e qui i miei dubbi aumentano. Sulla delegittimazione della politica, le ricordo che nella prima Repubblica, DC e PCI erano evidentemente avversari, ma nessuno dei due partiti si sognava di mettere in discussione la piena legittimità della presenza dei due partiti nel quadro della politica italiana. La delegittimazione dei politici e dei partiti ha avuto il suo prototipo nella seconda repubblica con Berlusconi, che è anche il padre dell’attuale populismo, sono stati poi Lega e M5S che per anni hanno delegittimato gli altri partiti, tutti. Definendoli corrotti, venduti, servi di poteri stranieri ed oscuri. Questa narrazione falsa ha allontanato i cittadini dalla fiducia nelle istituzioni e nei partiti. Se ora da ogni parte si muovono perplessità sull’attuale governo, questo appartiene alla dialettica politica. Insomma come dice Claudio Cerasa nel suo libro, di cui all’articolo e che le consiglio di leggere, non è che Lega ed M5S possono sparare qualsiasi castroneria contro i loro oppositori e gli altri debbono mantenere, mentre vengono offesi e vilipesi, un profilo da damine del settecento. Sono loro che da anni hanno lavorato per portare lo scontro su questo piano. E’ evidente che ora non basta una lavatina di faccia e di mani per tornare puliti.

  2. Il vostro articolo é proprio il classico esempio di qualcuno che a priori fa speculazioni su dati e fatti che ancora non si sono visti. Ma come fate a affermare che é il governo dell’incopetenza …?
    Trovo il vostro articolo davvero di parte. Sareste forse un disilluso del PD? O di Berlusconi.
    Non approfondisco di pù in questo sito le diverse idee e confronti …perché so’ che non sarà pubblicato….come del resto gli altri che ho lasciato.
    Quindi aspettando il vero cambiamento… (che non é difficile dopo questi ultimi governi non eletti!!!) Buona serata

    • Gentile Sig. Benvenuti, noi pubblichiamo sempre i commenti, se leciti. Pubblichiamo con piacere anche questo suo. Certo dobbiamo vedere alla prova dei fatti, ma credo che il sottoscritto come molti altri commentatori, anche di giornali vicini alla Lega ed a M5S, abbiano visto già nelle premesse, preoccupanti segnali di incompetenza. Non si tratta di avere simpatie per Berlusconi o il PD, si tratta di guardare il contratto e i fatti, cosi come allo stato si sono svolti. Le incompetenza sono state sommariamente ricordate nell’articolo (le inquietanti posizioni sulla TAV, che fermata ora ci costerebbe molto più del suo completamento, la richiesta naif di farsi tagliare 250 miliardi di debito (poi ritirata dopo la risata generale dei mercati e dell’Europa), l’aver messo, senza leggere la costituzione, uno sconosciuto addirittura nel ruolo di Capo del governo, e cosi via dicendo). L’inquietudine in Italia e all’estero, tra chi mastica politica, è tanta. L’Italia fa parte del G8, non è, o non dovrebbe essere, una repubblica delle banane, uno “statarello” di scarsa importanza che puo’ permettersi dei dilettanti allo sbaraglio. Noi siamo una media potenza che ha un ruolo strategico sul quadro geopolitico internazionale. Vengo al punto. Personalmente credo che la politica sia una cosa seria e che andrebbe riabilitata dopo anni di delegittimazione spesso irrazionale ed isterica. Trovo già inquietante avere un capo di governo che deve farsi correggere le dichiarazioni pubbliche da Mattarella e da Casalino (il creatore del Grande Fratello in Italia). Che competenza ha un governo se il Presidente della Repubblica si vede costretto finanche a rileggere alcuni articoli della Costituzione ai vincitori Salvini e Di Maio che avevano dimostrato di ignorarli? Quale credibilità offriamo con un programma che richiede 130 miliardi di spesa sapendo bene che non sono sostenibili. Mi creda la politica è una cosa per politici, richiede studio, esperienza e competenza, voler far credere che tutti i politici sono corrotti e venduti è una ignobile forzatura che ci produrrà guai davvero grossi.

LAISSER UN COMMENTAIRE

Please enter your comment!
Please enter your name here