Festa della mamma. Una madre è come ‘Il pane di casa’, di Don Umberto Pasini

Auguri a tutte le mamme! La Festa della mamma è una delle ricorrenze laiche più famose al mondo e si celebra oggi 10 maggio 2020 (la seconda domenica del mese di maggio) in Italia, America, Svizzera, Belgio, Germania, Giappone…. In altri paesi invece con date e modalità diverse, ma sempre con la voglia universale di ringraziarle per tutto quello che ci hanno donato, incondizionatamente. Festeggiamole quindi tutte con dei fiori e delle parole dolci, insieme a Maria Cristina Nascosi Sandri, autrice dell’articolo.

***

Se uno di voi sarà più dolce con sua madre, una sera,
 per causa mia e di mia madre,
non avrò scritto invano…

La frase in incipit, una delle tante e pregnanti che lo costellano e lo informano, fa parte de Il Libro di mia Madre di Albert Cohen, scrittore ebreo ed intellettuale immenso che ebbe il coraggio di pubblicare il testo solo 11 anni dopo la scomparsa della madre, un lutto elaborato a fatica, forse mai metabolizzato del tutto, divenuto un canto d’amore nel tentativo di sottrarla all’oblìo, di fissarla in immagini struggenti e dolci che ne restituissero la semplicità, l’ingenuità e le piccole quotidiane debolezze, la dedizione alla famiglia ma, soprattutto, l’amore per l’unico figlio: un amore totale, totalizzante, assoluto, come è quello di ogni madre. Un amore che i figli sanno comprendere pienamente solo quando le madri non sono più…

Più sereno e rasserenante, ad un tempo, il ricordo invece che Don Umberto Pasini, grande figura di mèntore, docente e sacerdote portuense/ferrarese scomparso da tempo, dedicò alla propria madre, una lirica delicata transustanziata, se si passa il possibile neologismo, in un simbolo da sempre parte della nostra cultura cristiana e cristologica, il Pane. Buono come il pane fatto in casa, si diceva una volta, facendo riferimento ad un cibo, ad una leccornìa o, più metaforicamente, ad una persona dotata di particolari qualità, umanamente parlando: e cosa c’è di più buono di una madre, di ciò che una madre ‘fa’ per il figlio nel corso della sua esistenza?.

E in fondo, ellitticamente, anche la madre cui è dedicata la poesia che segue è, al di sopra di ogni religione o fede una madre a tutto tondo, una yiddishe mame come quella di Albert Cohen che per il figlio sarebbe morta…

Il pane di casa

Mi lasciavi, mamma,
quando il mattino
m’era compagno
dei sogni.

Nel buio della stanza
s’ingigantivano i fantasmi
per turbarmi il sonno,

ma la tua voce
di sotto, accanto al fuoco,
mi riscaldava
– lo sai –
dolcemente.

Ogni tuo gesto
che indovinavo nel buio
mi amava
di tenere carezze.
Il babbo – una volta
almeno ricordo
che c’era –
condivideva quell’alba
ancor troppo lontana.

Un rito di lievito
ed acqua,
un’intimità coniugale
più arcana,
consumata sul desco
in cucina.

Era come per generarmi
un’altra volta
che le vostre mani
si congiungevano
in silenzio
a gramolare un impasto
che poi diventasse
il pane.

Ancora lo avverto,
adesso ch’è tardi,
spezzandolo,
il dolce profumo
di buono
che allora inondava
il mattino
levandosi
caldo il forno
come una carezza
di sole.

Mi sazia
quella fragranza
di albe
conservata dai giorni
lontani

Ed oggi che amara
è la mia solitudine
più forte mi tenta
– nell’ora di cena –
la voglia di bimbo.

Mangiamolo insieme
ancora una volta
– in piedi tu, madre,
e babbo al suo posto –
quel pane di casa.

Article précédent‘Contagiati’- L’ultima raccolta di racconti di Andrea Mauri.
Article suivantEpidemic: G. Garcia Marquez e l’eccezionale normalità del colera (e dell’amore).
Maria Cristina Nascosi Sandri
Di Ferrara, giornalista pubblicista, critico letterario, cinematografico ed artistico. Collabora da parecchi anni con quotidiani nazionali, periodici specialistici e non, su carta e on line, anche esteri come Altritaliani. Dopo la laurea in Lettere Moderne, conseguita presso l’Università degli Studi di Ferrara, si è dedicata per un po’ alla scuola dove ha svolto attività anche come traduttrice, oltreché docente. Da anni si dedica con passione allo studio, alla ricerca ed alla conservazione della lingua, della cultura e della civiltà dialettale di Ferrara, mantenendo lo stesso interesse per quelle italiana, latina ed inglese, già approfondito dai tempi dell’università, insieme con quello per l’arte, il teatro ed il cinema. Al suo attivo centinaia di articoli e recensioni, e qualche decina di libri sulle discipline di cui sopra, tra cui un'intera collana multilingue sulla propria lingua materna.

LAISSER UN COMMENTAIRE

Please enter your comment!
Please enter your name here

La modération des commentaires est activée. Votre commentaire peut prendre un certain temps avant d’apparaître.