Art Bonus, un decreto per salvare “la grande bellezza”.

Torneranno i mecenati? Questa almeno è l’intenzione del decreto intitolato “Art Bonus”, la misura che vuole favorire le donazioni per gli interventi di manutenzione, protezione e restauro di beni culturali pubblici, per il sostegno degli istituti e dei luoghi della cultura pubblici, per la realizzazione di nuove strutture o il restauro e il potenziamento delle fondazioni lirico-sinfoniche. I siti e le emergenze culturali della Basilicata, con Armando Lostaglio.


armfranceschini.jpg

Il ministro per i Beni culturali, Dario Franceschini, presentando il decreto intitolato “Art Bonus”, intende sollecitare i privati a contribuire alla salvaguardia dell’immenso patrimonio storico e culturale del nostro Paese. “Ora non hanno più alibi – sostiene il ministro – perché non si nascondano dietro la scusa che mancano gli strumenti fiscali per finanziare un restauro o la manutenzione di un bene culturale, la donazione ad un museo, a un archivio o ad una biblioteca”. Il decreto ministeriale garantisce un credito d’imposta del 65% a chi elargisce un contributo.

Sono numerosi i siti e le emergenze culturali distribuite in ogni regione del Paese, ed anche una regione non grande come la Basilicata può ambire a contributi privati fruendo dello sgravio offerto da “Art Bonus”, magari costituendo cordate di imprese.

art-bonus.jpg

Sono diversi i beni culturali su cui intervenire, per la salvaguardia dei monumenti e del paesaggio: da Matera a Metaponto, da Maratea ai castelli federiciani del Vulture fino a Monticchio, dove una millenaria abbazia (risalente all’Anno Mille) attende che venga restituita allo sguardo del turista colto e non resti sospesa per decenni con interventi a singhiozzo e senza una ben definita possibilità di ultimazione e di relativo “utilizzo”. Si allude alle Mura di Sant’Ippolito, situate sull’istmo dei due Laghi vulcanici, emblema annoso di una scarsa capacità di valorizzazione dei beni storici, basti solo ricordare che fino a due decenni or sono, venivano attraversate (e violate) dalla strada statale che conduce in Irpinia. Non poche furono le battaglie condotte a suo tempo per porre fine a quello scempio inaudito.

(N.d.r. Vedi l’articolo:

Monticchio: I laghi, l’Abbazia di San Michele, le Mura di Sant’Ippolito.)

“Art Bonus” potrebbe certo rappresentare un input per imprese locali, che mettano in moto anche una economia indotta; un appello a quanti credono (non banalmente) che la “cultura porta pane”.

Armando Lostaglio

LAISSER UN COMMENTAIRE

Please enter your comment!
Please enter your name here

La modération des commentaires est activée. Votre commentaire peut prendre un certain temps avant d'apparaître.