A proposito del Martin Eden di Pietro Marcello

Al cinema in Francia dal 16 ottobre (En savoir + en français)… Che il Martin Eden di Pietro Marcello avesse poco a che fare con quello di Jack London, lo sapevamo. Ci vogliono coraggio, creatività ed impegno per affondare le mani in un classico della letteratura, reinventarlo senza stravolgerlo, omaggiarlo e ricavarne una storia altra, che sta in piedi indipendentemente dal romanzo, anche se ad esso torna di continuo, come un fiume al mare.

Altritaliani

Tragico e pieno di grazia, il film ci conduce in una Napoli senza tempo, con molte immagini di repertorio che rappresentano suggestioni e nostalgie altrimenti indescrivibili. Martin (un abbagliante Luca Marinelli) è un giovane che viene dal nulla, quel nulla che in genere impedisce di sognare, di guardare oltre la fatica più nera, la fine della giornata. Quel nulla fatto di padroni e fame. Fa il marinaio per necessità, ma pure per vocazione. È lui stesso a dirlo: prende il largo per bisogno, e non solo di soldi. Si avvicina ai libri per conquistare Elena Orsini, una ragazza benestante, proveniente da una famiglia molto in vista. Finisce a casa sua dopo aver salvato il fratello da un pestaggio al porto e se ne invaghisce. Ignora che la distanza tra di loro non è solo una questione espressiva e che qualunque sforzo per ottenere la considerazione degli Orsini è una ritorsione, una corrente che lo rigetta indietro.

Inizia a leggere freneticamente, affamato di poesia, narrativa, saggi di economia e in questa esplorazione, in questa corsa verso il piedistallo di Elena, decide di diventare scrittore. Scrive e lavora, lavora e scrive, va a vivere fuori Napoli per risparmiare sull’affitto e concentrarsi sui racconti che prova a pubblicare sulle riviste. Martin sottovaluta che la cultura degli Orsini – acquisita senza troppi sforzi e quasi per diritto- è una roccaforte di interessi, il vessillo di uno status e non garanzia di libertà ed equità. Non può sapere che tutti quei libri, tutte quelle parole, sono suscettibili di interpretazione e che la famiglia nella quale vorrebbe essere accolto ne ha fatto recinti e gabbie mentali. Trascura anche che l’egoismo e l’avidità possono essere sentimenti accidentali in chi non patisce la fame e rinasce all’ora del party in giardino.

Martin si schiera per riflesso dalla parte dei deboli e dei generosi, fa a botte con gli egoisti ed i prepotenti e conosce le leggi della strada. È scanzonato, implacabile, capace di amicizia e riconoscenza. Scrive poesie, le ragazze lo corteggiano, le donne gli vogliono bene e lo proteggono, mentre lui è ossessionato da Elena, che gli propone più volte di abbandonare i suoi propositi utopistici e di lasciarsi guidare nella ricerca di un lavoro e nella costruzione di una posizione sociale.

 

 

La rottura con gli Orsini coincide con la sua realizzazione come autore, ed è una fatalità. La soddisfazione dei desideri di Martin è illusoria: la pubblicazione dei racconti e il successo non sono fonte di gioia. Viene aizzato nel cielo degli intellettuali, ottiene il lasciapassare per tutti i salotti ma entra in rotta di collisione con sé stesso. Quelli che lo disprezzavano e si prendevano gioco delle sue aspirazioni, della sua ambizione, lo riveriscono e ricercano la sua attenzione, Elena compresa. L’afflato della creatività, la trepidazione giovanile lasciano il posto alla disperazione che segue la ripugnanza: una noia che non avrebbe mai detto di poter provare e che alla fine gli pare inevitabile, dopo tanto vivere. Quello da cui è scappato è ciò che più gli manca ed è una sensazione schiacciante, irreversibile. Che cosa inseguiva Martin quando era ossessionato dal desiderio di pubblicare i suoi scritti e leggeva, leggeva? Il riverbero che aveva negli occhi si è spento e l’immagine di un altro sé lo tormenta.

Anche Pietro Marcello sceglie un finale tragico e ci affida un personaggio audace, libero, che ha voluto scalare le alture delle classi sociali a suon di letture, per ritrovarsi avvelenato da una consapevolezza che anni prima avrebbe schivato come una bugia.

Marina Bisogno

P.S.: «Martin Eden» di Pietro Marcello ha vinto anche al Toronto Film Festival 2019. Dopo la Coppa Volpi come Miglior attore protagonista a Luca Marinelli alla Mostra di Venezia 2019.

LAISSER UN COMMENTAIRE

Please enter your comment!
Please enter your name here

La modération des commentaires est activée. Votre commentaire peut prendre un certain temps avant d’apparaître.