Un pensiero per il grande Sepulveda

È scomparso oggi 16 aprile 2020 Luis Sepulveda: un grande, tra scrittura ed impegno socio-civile: aveva solo 70 anni.

Solo sognando e rimanendo fedeli ai sogni,
 riusciremo a rendere migliore il mondo.
 
È molto facile amare chi è uguale a noi,
più difficile amare chi non lo è. 
(L. Sepulveda)

Ricoverato da fine febbraio era in coma da oltre un mese all’Ospedale dell’Università Centrale delle Asturie, a Oviedo, dopo aver contratto il Coronavirus. Il quotidiano El Paìs ha diffuso la triste notizia. La malattia gli era stata diagnosticata al ritorno dal festival letterario Correntes d’Escritas, tenutosi a Póvoa de Varzim, in Portogallo.

Giornalista, sceneggiatore, regista ed attivista, Sepulveda viveva dal 1997 a Gijón, nelle Asturie. Era nato ad Ovalle, in Cile, il 4 ottobre 1949 ed era stato costretto a lasciare il suo Paese al termine di un’intensa stagione che lo aveva visto attivamente impegnato, socialmente e politicamente.

Entrò nelle fila del partito Socialista e poi nell’ambito della guardia personale del presidente Salvador Allende, il Grupo de Amigos Personales. Ma la sua esperienza si era conclusa drammaticamente, con l’incarcerazione da parte del regime del generale Augusto Pinochet. Dopo 7 mesi trascorsi in una cella angusta, fu liberato anche grazie alle forti pressioni di Amnesty International.

La sua vita era proseguita diversamente, sempre in movimento tra impegno civile prima e letteratura poi: si divideva tra l’America Latina ed il resto del mondo. Parlava molto bene inglese, francese e italiano – lo si sente in una delle ultime interviste rilasciate nella nostra lingua – e, dopo aver risieduto ad Amburgo ed a Parigi – era anche naturalizzato cittadino francese – si era stabilito in Spagna, come detto, nelle Asturie.

La sua prima prova narrativa, Il vecchio che leggeva romanzi d’amore, gli diede subito notorietà in campo internazionale. Apparso per la prima volta in Spagna nel 1989 e in Italia nel 1993, il romanzo aveva meritato il Premio Tigre Juan.

Nel 1998 ottenne un altro grande successo per l’adattamento cinematografico de La gabbianella e il gatto, tenera e sensibile favola di formazione molto ben resa dall’eccellente regia di Enzo D’Alò. Amatissimo nel mondo, particolarmente apprezzato nel nostro Paese, ecologista convinto, aveva saputo parlare ad adulti e bimbi, ad un tempo.

In Italia gli fu dato anche il Premio Internazionale Ennio Flaiano, nel 1994, ed a seguire, il Premio Chiara e il Premio Alessandro Manzoni alla carriera, rispettivamente nel 2014 e nel 2015.

Maria Cristina Nascosi Sandri

Article précédentSommes-nous tous dans le même bateau?
Article suivantSiamo tutti nella stessa barca?
Maria Cristina Nascosi Sandri
Di Ferrara, giornalista pubblicista, critico letterario, cinematografico ed artistico. Collabora da parecchi anni con quotidiani nazionali, periodici specialistici e non, su carta e on line, anche esteri come Altritaliani. Dopo la laurea in Lettere Moderne, conseguita presso l’Università degli Studi di Ferrara, si è dedicata per un po’ alla scuola dove ha svolto attività anche come traduttrice, oltreché docente. Da anni si dedica con passione allo studio, alla ricerca ed alla conservazione della lingua, della cultura e della civiltà dialettale di Ferrara, mantenendo lo stesso interesse per quelle italiana, latina ed inglese, già approfondito dai tempi dell’università, insieme con quello per l’arte, il teatro ed il cinema. Al suo attivo centinaia di articoli e recensioni, e qualche decina di libri sulle discipline di cui sopra, tra cui un'intera collana multilingue sulla propria lingua materna.

LAISSER UN COMMENTAIRE

Please enter your comment!
Please enter your name here

La modération des commentaires est activée. Votre commentaire peut prendre un certain temps avant d’apparaître.