Suffragette, un film tutto di Donna per l’8 marzo

Esce in Italia in questi giorni di preparazione all’8 marzo, fatidica Festa della Donna per antonomasia, a 70 anni dal diritto di voto per le donne della penisola tricolore – avvenne nel 1946, persino la Turchia ci aveva preceduto, in compenso la Svizzera ‘arrivò’ dopo! – Suffragette, il bel film di Sarah Gavron con Helena Bonham Carter, Carey Mulligan, Meryl Streep, Brendan Gleeson.

_suffragette.jpg

Bello è aggettivo generico, un po’ banalizzante, ma, in questo caso, non è così. Si riempie di un significato che permane, che dà soddisfazione nel capire che la pellicola ben descrive il clima inglese di quegli anni – datata, pertanto, al 1912 quando le lotte delle donne del popolo e delle donne cosiddette colte, si uniron per far fronte comune contro l’ottusa società inglese maschilista, convinta della propria inscalfittibile ragion d’essere ( e di rimanere tale ).

Ma anni dopo anche la monarchia sarà sorretta da una donna – esempio ancor più calzante – lo è ancora oggi ed è ‘quasi’ certo che quando the Queen alle soglie ormai dei 90 anni deporrà, in qualche modo, lo scettro, molto anche per le donne sarà perduto nel villaggio globale che è oggi anche la Gran Bretagna pur con regole e leggi di convivenza ben diverse dalle nostre italiane.

_suffragette_101-300x200.jpg

Intense le interpretazioni di Helena Bonham Carter, Carey Mulligan, regale il cameo di Meryl Streep, nei panni della Parkhurst, matura intellettuale sobillatrice del neo-movimento. Ma la bellezza del film comprende l’ambientazione, le scenografie, la fotografia, le inquadrature sempre impeccabili, solo apparentemente semplici, ma quanto, al contrario, squisitamente e filologicamente perfette, anche dal punto di vista emotivo.

La musica, glossa sonora sempre discreta, corollario marginale mai invadente, è dell’ottimo Alexandre Desplat, Leone d’Oro alla Mostra Internazionale del Cinema di Venezia di pochi anni fa.

_suffragette.png

Un’ultima nota finale: la figura davvero più sciatta, meschina la fanno proprio i personaggi maschili, persone senza carattere, spesso pusillanimi, vili: il marito che non riesce da solo a crescere un figlio e lo dà in adozione, disconoscendolo – una donna non lo farebbe mai, a costo della sua stessa sopravvivenza o i poliziotti che bastonano selvaggiamente donne disarmate, riescono, è duro dirlo, a raffigurare molto bene anche la società odierna dove ancora i femminicidi avvengono per vigliaccherìa, per paura, da parte del maschio, di dover affrontare ciò che la donna in cuor suo ha già deciso, dopo aver sopportato l’inverosimile.

Si direbbe, per certi versi, solo, certo, ma…molto ancora dev’esser fatto e non tanto poi è veramente cambiato da quei giorni di violenza maschile solo cattiva, priva di coscienza e di personalità, senza nerbo, a testimoniare, se mai fosse necessario, l’ennesima impotenza dell’uomo a riconoscere la donna come essere almeno suo pari.

Maria Cristina Nascosi Sandri

logo_mibact_-_festa_della_donna_2016.jpg

P.S. Ieri, domenica 6 marzo, in occasione del settantesimo anniversario della conquista del diritto di voto per le donne italiane, Suffragette è stato presentato ufficialmente alla Camera dei Deputati. Partirà poi un tour nelle scuole superiori al fine di sensibilizzare i giovani all’impegno civile e alla difesa della parità di genere.

L’iniziativa è ideata e promossa dalla scrittrice e attivista per i diritti delle donne Lorella Zanardo (Vedi « Il corpo delle donne sbarca in Francia »). “Il film è ambientato nei primi del Novecento – dice – ma potrebbero essere quelli del ventunesimo secolo vista la disparità tra uomini e donne che pongono l’Italia al 41esimo posto su 145 paesi analizzati”. E non è un bel posto.

Suffragette: L’interessante videointervista alla regista Sarah Gavron sull’attualità del tema del film con traduzione in italiano

[||]

1 COMMENTAIRE

  1. Suffragette, un film tutto di Donna per l’8 marzo
    Altro che mimose in questa giornata internazionale delle donne.

    Il divario di genere, la differenza di opportunità e di condizioni nel mondo del lavoro tra uomini e donne, negli ultimi venti anni è rimasto praticamente invariato. Dal 1995 al 2015 si è ridotto di soli 0,6 punti percentuali: il tasso di occupazione è del 46% per le donne e di quasi il 72% per gli uomini. Il dato, che certifica la lentezza con cui nel mondo cambino le ineguaglianze tra i due sessi, è diffuso da un rapporto dell’Oil, l’organizzazione internazionale del lavoro. Le donne continuano a lavorare più ore al giorno rispetto agli uomini sia nel lavoro retribuito che nel lavoro non retribuito. Anche nelle economie sviluppate, le donne occupate (sia nel lavoro autonomo che in quello salariato e subordinato) lavorano in media 8 ore e 9 minuti al giorno, rispetto alle 7 ore e 36 minuti lavorate degli uomini. Si è ancora molto lontani dalla parità di genere anche per quanto riguarda salari e retribuzioni: a livello globale le donne continuano a guadagnare in media il 77 per cento di ciò che guadagnano gli uomini.

LAISSER UN COMMENTAIRE

Please enter your comment!
Please enter your name here