Cento grandi lupi hanno invaso la piazza del Municipio di Napoli.

È stata inaugurata oggi a piazza Municipio di Napoli la mostra dell’artista cinese Liu Ruowang “Wolves Coming” a cura di Matteo Lorenzelli. Cento lupi minacciosi circondano un guerriero in atteggiamento di difesa – che rappresenta la metafora dell’uomo che si difende dai pericoli e dalle insidie della vita ma anche la natura che si difende e si ribella alle violenze e alle devastazioni perpetrate dal genere umano.
Liu Ruowang, uno dei maggiori artisti contemporanei della Cina, torna in Italia con questa monumentale installazione per riflettere sugli eccessi del progresso della società contemporanea.

Altritaliani

La piazza del Municipio di Napoli, cuore istituzionale della città, ospita dal 14 novembre fino a fine marzo, la sua grandiosa opera, trasformandosi in una grande galleria a cielo aperto. Un aggressivo branco di circa cento lupi – fusioni in ferro, ognuna del peso di 280 kg. – che minaccia un impotente guerriero, è l’allegoria con cui l’artista cinese rappresenta la dura risposta della natura alle devastazioni compiute dall’uomo, stigmatizzando l’incontrollabile processo di antropizzazione dell’ambiente.

Ho scelto Napoli – ha dichiarato Matteo Lorenzelli, animatore della storica galleria milanese Lorenzelli Arte – per presentare l’installazione di un artista di livello internazionale come Liu Ruowang, perché oltre ad avere spazi aperti, storicamente validi e adatti a questo tipo di eventi, si è conquistata un ruolo di primo piano nel panorama dell’arte contemporanea. Questa è una delle poche installazioni offerta alla cittadinanza nella quale il visitatore può liberamente interagire”.

La mostra, organizzata completamente dalla Lorenzelli Arte, promossa dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, propone una riflessione critica sui valori della civilizzazione e sulla grande incertezza in cui viviamo oggi, per contrastare il rischio di progressivo e irreversibile annientamento del mondo attuale.

La dimensione filosofica di Liu Ruowang è anche una vera e propria denuncia dei rischi provocati dalla perdita dei valori umani, mortificati dal sistema oppressivo della vita contemporanea, teatro di dolore e violenza, luoghi contaminati dalle prevaricanti mitologie di massa.

AltritalianiL’installazione « Wolves Coming », già esposta due volte in Italia – nel 2015 alla Biennale di Venezia nel Padiglione di San Marino e, sempre nello stesso anno, a Torino, nella sede dell’Università, inscenando in entrambe le occasioni una chiara denuncia contro l’indifferenza verso le arti e la cultura – è frutto della produzione dell’ultimo decennio che va considerato a pieno titolo il periodo della sua maturità artistica. La sua spiccata propensione per le grandi dimensioni fa sì che le sue opere sfiorino la monumentalità senza però costituire una presenza ingombrante né ostacolare la percezione del contesto circostante. Le forme, grazie ad uno studiato impatto scenico e al continuo dinamismo, vengono avvertite come attori di passaggio che occupano lo spazio senza appropriarsene, con un senso ciclico del moto che ripropone scene e suggestioni nel continuum temporale. I lavori sono presentati in gruppi – afferma l’artista – perché la ‘pluralità’ è il tipo di forma e di forza di cui ho bisogno quando sono intento ad esplorare la relazione tra l’essere umano e l’ambiente, anche alla luce del fatto che la Cina è da tempo un paese che porta avanti uno spirito collettivista. Creare i miei lavori in serie o gruppi corrisponde per me a un linguaggio strutturale del mio fare artistico che supera il linguaggio scultoreo.

Contatto: Daniela Ricci  dricci62@gmail.com    


Liu Ruowang (1977): Scultore e pittore, il suo è un percorso originale che si basa su un bagaglio socio-culturale ben preciso, collocato nel solco della tradizione cinese che ha saputo testimoniare grazie all’universalità del suo linguaggio artistico nel quale ha ben amalgamato elementi trasversali con aspetti peculiari della sua tradizione. Partendo dalla considerazione che la storia dell’uomo è anche la storia del suo rapporto con la natura, l’artista cinese affonda la sua ricerca, da un lato, nella cultura del lessico e del pensiero del suo paese e, dall’altro, in quella occidentale, attraverso richiami alla fluidità della nostra società globalizzata, con cui diamo luogo alla continua moltiplicazione d’identità all’interno di dimensioni sia reali che virtuali.

14 Novembre 2019 – 31 marzo 2020
Location: Piazza Municipio e zona antistante Castel Nuovo (Maschio Angioino), Napoli
Credits fotografici foto : Michele Stanzione

LAISSER UN COMMENTAIRE

Please enter your comment!
Please enter your name here

La modération des commentaires est activée. Votre commentaire peut prendre un certain temps avant d’apparaître.