E’ morto il poeta Roberto Roversi.

Numerose le sue opere letterarie, teatrali e di poesia. Una vita impegnata nella poesia senza dimenticare di essere stato un partigiano, con il suo impegno nella società. Bologna, l’Italia, la cultura tutta lo piange.

A Bologna si è spento a 89 anni il poeta e intellettuale. Scrittore ed ex partigiano, alcune delle sue composizioni erano state interpretate da Lucio Dalla. Il cordoglio di Napolitano: « Era sensibile interprete delle inquetudini e delle trasformazioni della nostra società ». Con Leonetti e Pasolini fondo’ “Officina” una rivista che fu di sperimentazione e d’innovazione letteraria. La sua arte fu sempre in prima linea nell’impegno politico e nel racconto della realtà italiana.

20120915_roberto_roversi-.jpg

Altritaliani.net lo vuole ricordare con il testo di una celebre sua canzone che fu interpretata da Lucio Dalla.

Un auto targata TO.

“Un’auto vecchia torna

da Scilla a Torino,

dentro ci sono dieci occhi

ed uno stesso destino.

Il bambino ha una palla

ed aspetta in cortile

con in mezzo poco sole

poco sole di aprile.

Il ragazzo

inferriate e catene

ha vent’anni:

son vent’anni di pene

La ragazza

venduta per ore

nella campagna

butta sangue e sudore

La madre è una forma disfatta

sopra gli occhi ha i capelli di latta

il padre è uno schedato, spiato

se si avventa sull’asfalto è inchiodato.

Il paesaggio è un’Italia sventrata

dalle ruspe che l’hanno divorata.

Arrivano nel ghetto

ammuffito, spaccato

contano i sassi

dentro il filo spinato.

Questo luogo del cielo è chiamato Torino

lunghi e grandi viali, splendidi monti di neve

sul cristallo verde del Valentino

illuminate tutte le sponde del Po.

Mattoni su mattoni

sono condannati i terroni

a costruire per gli altri

appartamenti da cinquanta milioni”

La redazione

L’ARTICOLO DI REPUBBLICA DI BOLOGNA

LAISSER UN COMMENTAIRE

Please enter your comment!
Please enter your name here