Altritaliani
Galleria virtuale di Altritaliani: BD /Fumetti

Alessandro Tota - Yeti

Article bilingue italien et français
lunedì 15 novembre 2010

ALESSANDRO TOTA é nato a Bari nel 1982. Diplomato in pittura all’Accademia di Belle Arti di Bologna, vive e lavora a Parigi. E’ stato tra gli autori selezionati dal Napoli Comicon per la mostra Futuro Anteriore (2006). Si è classificato terzo al concorso internazionale del Festival Fumetto! di Lucerna (2008).
E’ tra i fondatori della rivista Canicola (Prix B.D. Alternative, Festival de la B.D. d’Angoulême 2007).
Ha pubblicato su: Canicola, Hamelin, Za!, Revue, Lo Straniero, Orang (Reprodukt), Kuti Kuti, Tabloid, Il Corriere del Mezzogiorno, Kultur & Gespenster, Black (Coconino Press), Internazionale, Papier Gache, Repubblica XL, Lapin (L’Association), Stripburger.
Per Coconino Press ha pubblicato la storia lunga "Fratelli" nel volume antologico Gli Intrusi (2007). Il suo primo romanzo a fumetti, "Yeti" è stato pubblicato nel 2010 in Italia e Francia. I suoi lavori sono stati esposti in mostre a Bologna, Napoli, Milano, Helsinki, Parigi, Leipzig, Amburgo. Redige un diario sul blog www.pupazzetti.splinder.com

Y E T I

Il libro è nato da un diario a fumetti che mettevo in rete. Appena arrivato in Francia ho cominciato a tenere questo diario per raccontare ai miei amici quello che mi succedeva.
Quando ho dovuto fare il libro ho pensato di non continuare sull’autobiografia pur utilizzando delle esperienze e un contesto che avevo già imparato a raccontare. Cosi’ ho inserito questo personaggio rosa, Yeti, una specie di Barbapapà, che mi serviva per raccontare la realtà entrando da una porta laterale, che è quella del fantastico. E poi era utile anche per ribaltare la figura del diverso, attraverso una metafora visiva.
Il diverso è in genere la figura in ombra, inconoscibile, che fa paura. Invece io volevo capovolgere questa cosa attraverso una figura luminosissima, tonda, tenera, e gettarla nel mondo reale, per mostrare che il suo essere dolce, non lo salva dalla realtà del mondo, perchè quando sei "diverso", la prima cosa che si nota è la tua differenza, e non se sia positiva o negativa. Il primo dato è la differenza in sé.

E poi c’è il particolare tipo di amicizia tra immigrati, di cui volevo parlare. Da una parte il tema tocca l’autoghettizzazione, che è la risposta al fatto che la nostra società è in parte fatta a compartimenti stagni, che difficilmente comunicano al di fuori della scuola e di certe realtà lavorative. Per cui se non hai accesso a questi canali rischi di rimanere fuori, o chiuso nel tuo contesto.

E poi tocca il tema dell’amicizia con persone che vengono da realtà diverse dalle tue. A volte incontri una persona e ti riconosci, per qualche strana alchimia ne diventi amico, o amante. E poi queste persone continuano il loro percorso e partono, perchè fanno un tipo di vita che li porta a spostarsi da un paese all’altro. Rapporti e storie d’amore che nascono e muoiono in fretta pur avendo una grande intensità.

Alessandro Tota

Texte en français



Portfolio

Home | Contatti | Mappa del sito | | Statistiche del sito | Visitatori : 2027 / 3923058

Monitorare l’attività del sito it  Monitorare l’attività del sito LA GALLERIA   ?

Sito realizzato con SPIP 3.0.21 + AHUNTSIC

-->