Altritaliani
"... PER NOI". PARLAMI DELLA TUA CITTÀ. L’ITALIA RACCONTATA.

Fossanova nel Lazio: La solitudine perfetta.

lunedì 25 agosto 2014 di Natale Fioretto
JPEG - 39.1 Kb
Facciata dell’abbazia

Una terra antica, intrisa di acque foriere per secoli di malaria e opera minuziosa, quasi di cesello, dei monaci cistercensi che qui cominciarono a delineare un progetto, come quello della mano sapiente che leviga la pergamena su cui altri avrebbero evocato miniature e narrazioni.

Siamo in provincia di Latina, provincia giovane e marginale; a poco più di cinque chilometri da Priverno, protetto da un filare di querce si erge il complesso abbaziale di Fossanova. Il nome richiama il lavoro dei monaci che, scavando dei fossi, riuscirono a bonificare fette sempre più ampie di terreno da destinare a coltivazione di piante ed erbe mangerecce.

Arrivare a Fossanova nei giorni feriali è come sollevare un velo di silenzio e pace. Riecheggiano lontani i rumori delle macchine agricole e nell’aria si sente il profumo antico e pungente degli sterpi dati alle fiamme. Superata la porta d’ingresso del complesso si resta per un attimo colpiti dall’eleganza essenziale della facciata della chiesa, splendido e forse primo esempio di gotico cistercense in Italia. Ma la magia o meglio, l’incantesimo si fa palpabile avvicinandosi e scoprendo particolari che la distanza e il colore caldo del travertino tendono a cancellare. Emergono la preziosa lunetta cosmatesca che sovrasta il portone d’ingresso, una volta protetto da un portico e l’ombra del primordiale rosone, ombra, appunto, dello splendido occhio che attualmente riversa luce nell’interno.

JPEG - 50.2 Kb

Varcare la soglia dell’edificio è come inoltrarsi in una dimensione altra. La luce piove dall’alto illuminando un interno spoglio, essenziale e ampio. Qui si pregava. Qui dei monaci sfidavano la scansione ordinaria del tempo per riunirsi a cantare lodi e avvicinarsi a quella presenza assente che pare riverberarsi negli scarni motivi decorativi. Pietra e solo pietra. E il tempo.

JPEG - 20 Kb
Interno dell’abbazia

Fossanova va visitata con calma rinunciando, almeno inizialmente, allo schematismo delle guide turistiche. Difficilmente si incontra qualcuno in chiesa e la solitudine si fa perfetta nel chiostro o nell’ala dedicata a Tommaso d’Aquino, il “bue muto” che qui, dove morì, continua a bisbigliare.

Si cresce. Si cambia e cambiano le attese e si è indifesi agli sgambetti della memoria, eppure da Fossanova non sono mai tornato deluso o indifferente. Forse è qui, in questo silenzio spesso che su tutto incombe, che potrebbero emergere – o discendere – delle risposte. Forse è qui che anche solo per un istante si può abdicare e non smettere di percepire la nota continua della “mancanza”. In questo incontro fra l’alto e il basso, fra l’ispirazione e di manualità dove lo spirito si coagula in pietra.

I ricordi hanno modi peculiari per aggredire alle spalle: i miei hanno il profumo della cannella, quella che a ondate supera la porta socchiusa di un piccolissimo biscottificio che con molta discrezione attrae i turisti. Anche questo luogo è un’oasi di aromi perduti in cui i biscotti si possono ancora acquistare al pezzo e non inscatolati. Biscotti fragranti che sanno d’infanzia.

Natale Fioretto
Docente Univ. per stranieri di Perugia

Ringraziamo Roberto Russo, autore delle foto.

Parlami della tua città. No, non vogliamo un trattato storico, politico, né una ricerca sociologica. Parlami del tuo paesello, della tua metropoli, ma parlamene con il cuore. Sul filo dell’emozione, con le lacrime agli occhi o ridendo di gusto. Raccontami un’emozione, un aneddoto, un luogo di quel luogo, cosi che insieme agli altri ci possiamo rappresentare una Italia che c’era, che forse c’è e magari ci sarà. Per tutta l’estate su ALTRITALIANI.NET, L’ITALIA RACCONTATA, a questo link, il racconto dei paesi e delle città d’Italia. Un itinerario sentimentale ed emozionante dei nostri luoghi alla ricerca della loro anima.

Potete partecipare tutti, inviando aneddoti, emozioni, sensazioni, storie che ci aiutino a capire lo spirito del nostro “ricco” Belpaese. Naturalmente, se volete, inviate anche foto, disegni per arricchire i vostri contributi. Per tutta l’estate.... poi si vedrà. Il titolo della rubrica è “.... per Noi” come “Genova per Noi” di Paolo Conte. Contatto: ✉✉redazione@altritaliani.net


Home | Contatti | Mappa del sito | | Statistiche del sito | Visitatori : 284 / 4354210

Monitorare l’attività del sito it  Monitorare l’attività del sito culture et CULTURE  Monitorare l’attività del sito ......per Noi   ?

Sito realizzato con SPIP 3.0.21 + AHUNTSIC

-->