EUROPA – EUROPE

Gli europei discutono !

FORUM e SONDAGGIO


 Siete europeisti ? euroscettici ? – Credete nell’Europa ? – Come è l’Europa che volete ? – Volete la Turchia nell’Europa ? – E’ stato un bene allargare l’Europa ?….


 Etes-vous proeuropéen ou eurosceptique ? – Croyez-vous en l’Europe ? – Quelle est l’Europe que vous voulez ? – Voulez-vous de la Turquie dans l’Europe ? – Elargir l’Europe, était-ce un bien?……..


 Do you feel European o Eurosceptical ? – Do you believe in Europe ? – What idea of Europe would you favour?


 Se siente Ud. Europeo ? – Cree Ud. en la idea europea ? – Que Europa le gustaría a Ud. ?

Apriamo una discussione sull’Europa di oggi.
Intervenite tutti nella vostra lingua. Ouvrons une discussion sur l’Europe d’aujourd’hui. Intervenez tous dans votre langue.

SONDAGGIO


PER PARTECIPARE AL FORUM RISPONDI ALL’ARTICOLO

6 Commentaires

  1. EUROPA – EUROPE
    Non credo che in Italia, di per sè già lacerata da forti divisioni al suo interno, il concetto di « europeismo » sia molto radicato nella gente. Viviamo infatti in un contesto di aspre e, a volte, violente differenziazioni, ideologiche, sociologiche (nord/sud), religiose (cattolici contro laico-liberali) e persino (last but non least) calcistiche. Non abbiamo quindi un’innata ed ottimistica visione dell’Unità Europea e in tal senso non siamo certo incentivati da ciò che leggiamo e sentiamo sugli alti tassi di assenteismo al Parlamento di Bruxelles. Le elezioni europee appaiono a molti italiani (me compreso) l’ennesimo strumento di spartizione e sperpero del denaro pubblico, a vantaggio dei « soliti noti » che si guadagnano la possibilità di scaldare un’altra sedia a spese dei contribuenti. Personalmente non andrò a votare proprio per non sentirmi vittima consapevole di questo vergognoso teatrino.

    • EUROPA – EUROPE
      ovvero siamo europei o saremo destinati a sparire. Non abbiamo la scelta. Avete gia esaminato la carta geografica del mondo ?L’Italia, la Francia, la Germania quasi non si vedono, l’Europa sì. E sì, esisterà e sarà forte a patto che sia una Europa unita. La strada sarà lunga ma bisogna riuscire per non morire ! Io voterò « sì » mille volte. Da 50 anni penso cosi. Doris

    • EUROPA – EUROPE
      La rappresentanza democratica e sempre piu o meno »rapita » dalle cosi dette elitte, forze ancora piu cuando si tratta di Bruxelles o di Strasbourg ;ma come fare se si vuole costruire un federalismo europeo o una vera confederazione , indispensabile per difendere l’Europa e le sue componenete nella globalizione ?dobbiama accettare le balbettamenti della democrazia europea

    • EUROPA – EUROPE
      parlare per gli italiani credo sia una generalizzazione per nulla esatta..le elezioni europee, per quanto mi riguarda non sono uno sperpero di denaro pubblico, ma rappresentano la speranza di iniziare a rimettere le cose a posto in Italia a un livello superiore, in Europa. se davvero il popolo italiano è stanco di vedere al potere da 40 anni sempre le solite facce, tra cui la maggior parte condannati, allora forse la soluzione non è « non andare a votare », ma smetterla di votare QUELLA GENTE, e votare invece persone che non entrano in politica con lo scopo di arricchirsi, o salvare se stessi e le proprie aziende… gente che crede davvero che non possiamo continuare ad accettare stando zitti: il potere sovrumano di poche persone, la mafia radicata in politica, la censura nella stampa e in tv, la censura ai magistrati, le mille bugie, le leggi razziali, ecc… (quasi fossimo in un regime…)
      la mentalità italiana (o perlomeno quella di tanti italiani che conosco) è quella di dire « ormai è troppo tardi, non esistono persone buone, sono tutti uguali i politici, ecc… » beh, NON E’ COSI’!
      qualche nome?

       SONIA ALFANO

       LUIGI DE MAGISTRIS

       CARLO VULPIO

      meglio non andare a votare sperando di non cadere ancora nella vittoria del Pdl e amici, o informarsi, leggere, e fare una scelta?

      • EUROPA – EUROPE
        L’Europa ci salverà. Forse è eccessivo pensarlo, ma credo che l’Europa, con le regole di Bruxelles, possa temperare o stimolare o correggere le iniziative legislative del parlamento italiano e le decisioni del governo italiano. Con la maggioranza che ci ritroviamo, speriamo nelle direttive e nel controllo che vengono dall’Europa. Occorre perciò votare per candidati seri, preparati e sicuramente europeisti

      • EUROPA – EUROPE
        Ne abbiamo parlato anche a proposito della crisi della democrazia. Il problema non è, a mio avviso, solo di partecipare, cosa giusta ed importantissima, ma anche di riformare profondamente la politica a destra come a sinistra. Lei dice: « quasi fossimo in un regime », il sospetto è che mentre un regime genera odio e quindi voglia di reagire, questa pseudo democrazia crea indifferenza, cittadini che non sono più tali, ma che divengono solo consumatori. Tutto questo nell’assenza di ogni partecipazione di una benché minima dialettica politica.
        La ringrazio del suo impeto generoso che dimostra che in rete vi è forse, l’unica autentica cura a questo male della democrazia.
        Nicola Guarino

Comments are closed.