Altritaliani
Home > culture et CULTURE > Cinema > Venezia 72 > Venezia 72

Venezia 72

EDIZIONE 2015 - MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA

Con Altritaliani per seguire Venezia 72, l’edizione 2015 della Mostra internazionale del cinema che ogni giorno ci sorprenderà con i suoi film, interviste e curiosità. Continui aggiornamenti per sapere tutto del più grande evento cinematografico italiano, tra i più antichi nel mondo, al Lido di Venezia dal 2 al 12 settembre: i film in concorso, la Settimana della Critica, retrospettive, film e registi italiani... e quant’altro. Seguiteci per saperne di più e per prepararvi ai prossimi ed attesi film che vedremo nelle nostre sale. Cinque dei nostri collaboratori, critici di cinema, sono a Venezia per raccontarvi questo Festival, correndo da un evento all’altro, da una proiezione all’altra fino a tarda notte: Andrea Curcione, Maria Cristina Nascosi Sandri, Armando Lostaglio, Catello Masullo, Massimo Rosin.

Articoli di questa rubrica


Cala il sipario sulla Mostra del cinema. Ultimi commenti sui film in concorso.

Venezia 72. Bilancio e premi. Il verdetto spiazzante della Giuria. (Venezia 72)

lunedì 14 settembre 2015 di Andrea Curcione

E’ stato un verdetto letteralmente spiazzante quello della Giuria della 72ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, presieduta dal regista messicano Alfonso Cuarón. E’ noto, i giudizi di pubblico e di critica coincidono raramente con quelli degli autorevoli membri chiamati a giudicare i film in concorso. Si mette sempre in primo piano la loro competenza e il loro metro di misura professionale per valutare le opere cinematografiche in gara. Eppure sempre qualcosa ci sfugge.



ULTIMO FILM IN CONCORSO ALLA MOSTRA DI VENEZIA, QUARTO DEGLI ITALIANI

Per amor vostro. Intervista a Giuseppe Gaudino e ai protagonisti del film. (Venezia 72)

lunedì 14 settembre 2015 di Andrea Curcione

Il regista Beppe Gaudino, tra Pozzuoli, Napoli e il cinema. A diciotto anni da: "Giro di Lune..." ritorna da trionfatore a Venezia con questo toccante "Per amor vostro". Un lungo tempo che come vedremo non è trascorso in vano. Parliamo di tutto questo con lui e con i protagonisti del film, a cominciare dalla coppa Volpi, Valeria Golino, per poi passare ai co-protagonisti Giannini e Gallo.



Ultimo film in concorso alla Mostra di Venezia, quarto degli italiani

Venezia 72: Gaudino: Per amor vostro...e nostro! (Venezia 72)

domenica 13 settembre 2015 di Andrea Curcione
18 anni dopo aver presentato a Venezia “Giro di lune tra terra e mare”, il regista napoletano Giuseppe M. Gaudino (Pozzuoli 1957) ritorna alla Mostra del Cinema di Venezia, in concorso nella selezione ufficiale, con il suo secondo lungometraggio di finzione: “Per amor vostro”. Girato interamente (...)


Altritaliani in diretta da Venezia.

Venezia 72. Nell’attesa dei premi. Reportage del 11 settembre. (Venezia 72)

Decisamente il documentario è una forma filmica in ripresa. Dopo “Sacro Gra”, in molti provano a vincere il Leone con un documentario. E’ la volta del cinese Zhao Liang che ci cala nell’inferno metropolitano della Cina di oggi. Documentari come quello non in concorso di Barletti e Quadri: Il paese dove gli alberi volano, come Human di Yann Arthus-Bertrand e il Decalogo di Vasco, con migliaia di fan ad acclamarlo alla sala grande. Presentato fuori concorso Bagnoli Jungle di Antonio Capuano e in concorso l’attesissima opera di Gaudino (di cui parleremo a parte). Dulcis in fundo il premio del Sindacato dei giornalisti cinematografici assegnato in videoconferenza da Asiago ad un Ermanno Olmi convalescente ma felice e commosso.



Il reportage di Altritaliani in diretta da Venezia.

Venezia 72. Ultimi giorni del festival. Egoyan cala l’asso. Reportage del 10 settembre. (Venezia 72)

Atom Egoyan, un nome, una garanzia, tra i papabili al Leone con il suo imperdibile Remember costruito come un thriller. Sempre in concorso l’interessante film del venezuelano Lorenzo Vigas e dall’America, ma fuori concorso, il gradito ritorno di Arturo Ripstein maesto del cinema messicano, molto amato dai cinefili. Da segnalare l’omaggio a Pasolini di Simone Isola e tra i film restaurati: Le beau Serge dell’indimenticabile Claude Chabrol, opera che segna l’inizio della Nouvelle Vague francese. Ancora tra i classici restaurati: Venise Trichrome del 1912. Per concludere il reportage odierno, vi presentiamo il produttore del film di Amos Gitai: "Rabin, the last day", altro papabile per il Leone, il lucano Francesco Di Silvio.



IL REPORTAGE ALTRITALIANI DEL 9 SETTEMBRE

Venezia 72: Tavernier, un Leone d’oro alla carriera tutto francese. Reportage del 9 settembre. (Venezia 72)

Inizia il reportage di giornata con il piacere di raccontare, per un sito italo-francese come il nostro, di questo Leone alla carriera che Venezia ha voluto tributare ad un regista molto amato dal pubblico dei cinefili, Bertrand Tavernier, l’abbiamo incontrato ed è stato un fiume in piena. Molto cinema francese con Collardey e la sua: Tempête. In concorso il film di Skolimowski, con una storia che si dipana in solo 11 minuti ed un ritorno alla sua terra d’origine la Polonia. E undici minuti sono dedicati alla Bergman dal nipote, Alessandro Rossellini nel corto: Viva Ingrid. Brutti tempi per le ragazzine dopo il serial killer di Isla Minima, nella sezione Orizzonti arriva: Mate-me por favor, con il suo “mostro” che ammazza ragazzine. Tributo al Nobel Orhan Pamuk, lo scrittore turco in un film inglese di Grant Gee.



Il reportage Altritaliani in diretta da Venezia

Venezia 72. Cinema italiano nel mirino nel nostro reportage del 8 settembre. (Venezia 72)

In concorso l’atteso Bellocchio con “Sangue del mio sangue”, un film che ha diviso il pubblico, come capita spesso al nostro cineasta che, esattamente 50 anni fa, esordiva a Venezia con “I pugni in tasca”. Venezia celebra anche la storia del nostro cinema. Ieri con Fellini, oggi ricordando la Wertmüller e Lizzani. Curiosità per la prima opera prodotta dal Vaticano: il documentario: “L’esercito più piccolo del mondo” e tra i documentari da segnalare anche l’italiano: “I ricordi del fiume”. In concorso anche l’opera greca: “Interruption”, mentre tra le altre sezioni si segnala il bello “Tanna” dell’Australiano Bentley con attori non professionisti per la Settimana della critica.



IL REPORTAGE ALTRITALIANI

Venezia 72: i film e eventi in programma il 7 settembre. (Venezia 72)

Incominciamo questa giornata con una riflessione con il maestro Amos Gitai, su Rabin che è al centro della sua ultima opera presentata alla Mostra. Segue un omaggio a Claudio Calligari, cineasta italiano scomparso di recente e mentre Mohsen Makhmalbaf riceve il premio Bresson, un giovane regista iraniano Vahid Jalivand, nella sezione Orizzonti, incanta la critica con la sua opera prima. Come spesso accade i film in concorso, per molti non sono i migliori del festival e pertanto si deve registrare ancora qualche delusione, proveniente dal cinema turco. Per rifarsi la cronaca della proiezione di Amarcord di Fellini, restaurato e ridato, in tutto il suo splendore, ai cinefili di tutto il mondo. Completa una giornata all’insegna del cinema orientale, l’apprezzato Madame Courage dell’algerino Merzak Allouache



IL REPORTAGE ALTRITALIANI

Venezia 72: i film e eventi in programma il 6 settembre. (Venezia 72)

In concorso convince poco l’italiano: A bigger Splash, di Luca Guadagnini che si fregia di un cast internazionale. In concorso anche il film di Hermanus che appare davvero splendido nelle immagini per quanto prolisso nei suoi contenuti. In scena nelle altre rassegne il surreale: Pecore in erba, dell’italiano Caviglia e gli americani Man Down e Janis dedicato quest’ultimo alla leggenda rock di Janis Joplin. Infine da segnalare per le Giornate degli Autori una bella iniziativa dedicata al grande cineasta spagnolo Carlos Saura.



IL REPORTAGE ALTRITALIANI

Venezia 72: Tanta Italia. Recensioni sui film e eventi in programma il 5 settembre. Continuo... (Venezia 72)

Doppio reportage domenicale per completezza con una bella iniziativa dedicata al grande Monicelli scomparso di recente. E tanta Italia in questa parte del reportage con L’Attesa di Piero Messina , Viva la Sposa di Ascanio Celestini, Harrys Bar della Cerquetti, a riprova della vitalità del nostro cinema, un pezzo importante della cultura di un paese che sul piano culturale non ha che l’imbarazzo della scelta. Bene… rituffiamoci a Venezia.



Home | Contatti | Mappa del sito | | Statistiche del sito | Visitatori : 4346146

Monitorare l’attività del sito it  Monitorare l’attività del sito culture et CULTURE  Monitorare l’attività del sito Cinema  Monitorare l’attività del sito Venezia 72   ?

Sito realizzato con SPIP 3.0.21 + AHUNTSIC

-->