Altritaliani
Home > EDITORIALI > Le pillole di Puppo > Le pillole di Puppo

Le pillole di Puppo

Articoli di questa rubrica


Macron, Le Pen e la doccia di sinistra e il bagno di destra. (Le pillole di Puppo)

giovedì 4 maggio 2017 di Maurizio Puppo
La doccia è di sinistra, il bagno di destra. Diceva Giorgio Gaber. Quale sinistra, quale destra? La doccia se vogliamo è una roba moderna, da fighetti, da ceti medio-alti riflessivi. Insomma, come dicono in tanti: da bobò, radical-chic (o champagne socialist). Sarà perché è rapida, quindi ottima (...)


La pillola di Puppo

La giusta scuola e la scuola giusta. (Le pillole di Puppo)

giovedì 16 febbraio 2017 di Maurizio Puppo
L’Università, e prima dell’Università il liceo. A voi sembrerà niente, per me era molto, perché son della razza mia : per quanto grande sia, il primo (o quasi) che ha studiato. Nessuno della mia famiglia ci aveva mai messo piede, in quella cavolo di scuola : per generazioni, il liceo era stato la (...)


La pillola di Puppo

La corruzione che ci somiglia. (Le pillole di Puppo)

domenica 18 dicembre 2016 di Maurizio Puppo
Trent’anni fa, al servizio militare. In coda per prendere la cosiddetta “decima”, cioè la paga, la paghetta. A dare i soldi , il signor maresciallo. La caricatura del maresciallo. Con i baffi. Con il panzone. Il sergente Garcia di Zorro insomma. Mi dà i soldi. Esco dalla fureria e mi accorgo che c’è (...)


Referendum: Voti dall’Aldilà! (Le pillole di Puppo)

lunedì 28 novembre 2016 di Maurizio Puppo
Vi sono varie stupidate che si possono fare quando si discute, ad esempio, del referendum costituzionale ormai imminente. Tra le più imperdonabili : annettere alla propria causa persone che non hanno più la possibilità di confermare o di smentire. Del tipo : « Che Guevara avrebbe votato NO ! ». (È (...)


La pillola di Puppo

Fo, Benigni e gli angeli e demoni nella scatola del rancore. (Le pillole di Puppo)

venerdì 21 ottobre 2016 di Maurizio Puppo
Milano. Com’è bella la città, com’è dolce la città. Mi aspetto di ritrovare l’Italia (quelle sue cose segrete, quei suoi inviolati misteri) ; trovo una scatola di rancore. Che si spalanca davanti a me. All’aeroporto di Linate. In coda per il taxi, i piedi sul marciapiede. Le persone dietro me sono più (...)


La pillola di Puppo

« Fertility day » : ad ogni autunno finisce l’estate. (Le pillole di Puppo)

sabato 10 settembre 2016 di Maurizio Puppo
Avete ragione. La campagna sulla fertilità, promossa dal ministero italiano della salute, non è stata quella grande idea. Lo so anche io. E ha suscitato una reazione all’unisono, da « tutt’ad un tratto, il coro » : dateci lavori stabili, stipendi decenti, asili nido efficienti, e vedrete che ne (...)


Analfabetismo funzionale: Italia caput mundi. (Le pillole di Puppo)

domenica 24 luglio 2016 di Maurizio Puppo
Che poi, oltre a tutto il resto, ci sarebbe anche questa storia dei cosiddetti analfabeti funzionali. Quelli che non sanno mettere due cose in fila. Che in teoria analfabeti non sono (perché sanno leggere e scrivere) ma nella pratica è come se lo fossero. Perché non capiscono niente. Credono a (...)


La pillola di Puppo

Il tic religioso e totalitario dei sacerdoti della “giusta causa” (Le pillole di Puppo)

lunedì 6 giugno 2016 di Maurizio Puppo
Capire prima di discutere, discutere prima di condannare (Norberto Bobbio). Tra le origini del totalitarismo, forse, anche questa idea che "l’altro" esista e sia degno di esistere solo se aderisce alla "giusta causa" - che assume ogni volta sembianze diverse. Per qualcuno sarà la patria, la (...)


La pillola di Puppo

Terrorismo : Davanti al dolore degli altri (Le pillole di Puppo)

lunedì 4 aprile 2016 di Maurizio Puppo
Perché non ammetterlo ? Abbiamo pianto i morti di Parigi. Ci siamo identificati con la redazione e le ragioni di Charlie Hebdo ; abbiamo comprato e letto quel giornale quando è tornato in edicola (anche se magari prima lo ignoravamo, non ce ne fregava niente, non ci piaceva nemmeno tanto). (...)


La pillola di Puppo

Scola e L’Italia “mancata” di: C’eravamo tanto amati (Le pillole di Puppo)

martedì 2 febbraio 2016 di Maurizio Puppo
E all’improvviso venne un angelo, a raccontarci una storia che non era la nostra, ma parlava di noi. L’angelo aveva il sorriso di Stefania Sandrelli e il film era “C’eravamo tanto amati”. Regista, Ettore Scola. Inizia quando l’Italia è in bianco e nero, nel 1945, tra la neve dell’inverno della (...)


Home | Contatti | Mappa del sito | | Statistiche del sito | Visitatori : 3988803

Monitorare l’attività del sito it  Monitorare l’attività del sito EDITORIALI  Monitorare l’attività del sito Le pillole di Puppo   ?

Sito realizzato con SPIP 3.0.21 + AHUNTSIC

-->