Altritaliani

Una settimana dedicata alle donne

lunedì 10 ottobre 2011 di Armando Lostaglio

In una settimana (quella scorsa) la donna è stata al centro della considerazione pubblica a diverse latitudini. Sarà difficile trovarne un’altra con le identiche particolarità. Di sicuro è stata la tragedia di Barletta quella che ha particolarmente colpito nel profondo: cinque giovani vite spezzate nel fiore degli anni. Una adolescente e quattro operaie sfruttate, malpagate lavoratrici in uno stabile che collassa per incuria e carenze di manutenzione.

Intanto, il Comitato norvegese ha assegnato il premio Nobel per la Pace 2011 a tre donne del Continente Nero: Ellen Johnson Sirleaf, Leymah Gbowee e Tawakul Karman. Una scelta di coraggio, dopo che nel 2004 un’altra donna africana aveva raggiunto tale obiettivo: era la biologa Wangari Maathai recentemente scomparsa. “Non possiamo raggiungere la democrazia e la pace duratura nel mondo se le donne non otterranno le stesse opportunità degli uomini di influenzare gli sviluppi a tutti i livelli della società.” Questa è la motivazione a suggello dell’ambito riconoscimento del Nobel.

Ed ancora, in questi giorni scorsi cade il quinto anniversario dell’assassinio della giornalista russa Anna Politkovskaya, che fu assassinata nell’ascensore del suo palazzo, a Mosca. Fare il giornalista, e farlo bene, è diventato uno dei mestieri più pericolosi nella Russia di Putin, e Anna era una delle più scomode. Film e spettacoli teatrali (interessante quello di Ottavia Piccolo, e il docufilm “211:Anna” di Serbandini e Massimetti) hanno celebrato il coraggio di questa professionista della verità, che ha sfidato i poteri occulti per denunciarne vessazioni e neocolonialismi.

A fare da contraltare nella considerazione della donna (sempre durante la settimana scorsa), ci sono le abiette esternazioni del premier di questa Nazione, il quale non perde occasione per far parlare di se e del suo modo singolare di fare ironia dall’alto della sua carica. Ha dichiarato (proprio nel giorno dei funerali delle sfortunate donne di Barletta) che il suo partito cambierà nome, lo chiamerà il partito della gnocca, espressione che caratterizza da sempre il suo operato, ignorando che il suo privato (a quel livello) è anche pubblico. E pertanto, irride la comunità che rappresenta, dileggia i suoi stessi sostenitori, fa scempio del suo incarico ottenuto democraticamente. Non va aggiunto altro alla vergogna, la considerazione che ha del suo ruolo e del popolo che rappresenta non ha eguali in un contesto internazionale.

Armando Lostaglio


Home | Contatti | Mappa del sito | | Statistiche del sito | Visitatori : 1477 / 4229804

Monitorare l’attività del sito it  Monitorare l’attività del sito THEMI e IDEE   ?

Sito realizzato con SPIP 3.0.21 + AHUNTSIC

-->