Altritaliani
Agenda. Sortie en librairie et rencontre-débat

Costanza Alpina. Niente di personale contro Mara Carfagna.

vendredi 27 février à 19 heures
lunedì 23 febbraio 2009 di Evolena

La Libreria nous invite à rencontrer Costanza Alpina, auteur du pamphlet "Niente di personale contro Mara CARFAGNA. Brevi considerazioni su una soubrette diventata ministro." N’y a-t-il pas de quoi réfléchir ? Bling bling et compagnie.....

Si au bout de deux ans de carrière à la télé, une show girl abandonne les paillettes et les robes échancrées pour devenir ministre d’état, il y a quelque chose qui cloche. Il y a de quoi nous faire hausser les épaules, nous agacer ou nous interpeller pour essayer de comprendre le sens d’un tel événement dans l’Italie d’aujourd’hui. Comment est-ce possible? Quel sens, caché ou pas, doit-on y chercher? Quelles en sont les conséquences?

Avec un regard ironique et cinglant, cet essai s’interroge sur la nomination au poste de ministre de Mara Carfagna et l’interprète comme la manifestation la plus éclatante d’un climat social et culturel désormais très répandu, comme le symbole d’une vision politique rusée et sans scrupules plutôt que comme un épisode isolé.

Rien de personnel et pas de gossip.. il s’agit seulement de tenter de raviver le sentiment de honte face à une politique bavarde et combinarde et à une Italie toujours plus dominée par la seule règle de l’audience.

L’auteur, Costanza Alpina, n’aime pas trop parler d’elle-même, mais il ne faut pas penser qu’elle n’ait pas grande chose à dire. Bien au contraire, comme elle nous le démontre dans ce pamphlet... un livre intense et piquant écrit par une femme non contre une femme mais contre la grande braderie télévisuelle de la féminité. Contre l’élévation de la "show girl-attitude" à modèle politique et social. Costanza Alpina nous présentera le livre en italien (nous assurerons la traduction simultanée en français...) dans un débat animé par Francesco Magris, professeur d’économie à l’université de Evry et journaliste pour plusieurs journaux italiens et français. Ce pamphlet est paru en 2008, Discanti Editore

—  LA LIBRERIA 89, rue du Fbg Poissonnière 75009 Paris Tel/Fax + 33 1 40 22 06 94 www.lalibreria.fr

Pour en savoir plus, nous vous en proposons un extrait :

[...] Ecco, è lei. È fatta. 8 Maggio 2008, poco dopo le 17. Mara Carfagna è diventata Ministro della Repubblica Italiana. Ripeto a scanso di equivoci: Mara Carfagna è diventata Ministro della Repubblica Italiana. Una data storica. Cazzo. Una data in cui gettare un altro coccio nel vaso che raccoglie ciò che rimane di quel che un tempo si chiamava decoro. L’altro famoso vaso della storia mitologica, il vaso di Pandora, conteneva l’ultimo bene rimasto all’uomo, la virtù della speranza. Ora che Mara Carfagna è diventata Ministro la speranza di vivere in un paese serio non può più nemmeno farci compagnia. Non che servisse proprio questo episodio, intendiamoci. Eravamo già abbastanza messi male anche prima. Però tutto fa, tutto contribuisce a dare la misura del paese in cui viviamo. Perché Mara Carfagna non è solo Mara Carfagna. Una bella salernitana dalla pelle abbronzata e l’ampio décolleté. È un simbolo. Sì, un simbolo. Deve essere proprio il suo momento. Eleggo Mara Carfagna a simbolo dell’Italia dell’anno 2008. [...]

[...] Del corpo in Italia viene certo fatto un culto ma fine se stesso, non perché è il corpo del potere ma perché è il corpo di un potente. Non per il valore anche evocativo e simbolico che incarna ma per rendere il potere più trendy, più conforme ai gusti collettivi, più alla moda. Approfittando anche del fatto che si sa, da che mondo è mondo, il potere in se stesso rende più affascinanti, più desiderabili e visibili, più fichi. Siamo inondati di corpi levigati e strabordanti, i politici si prestano volentieri al siparietto dello show business e alla curiosità morbosa che ne deriva (salvo poi appellarsi al diritto alla privacy quando la circostanza stride con la dignità della carica pubblica), il corpo è vantato come un trofeo. E allora via ai lifting in gran segreto, le lampade effetto tropico, i trapianti di capelli (non importa se nel mezzo di una delicata situazione internazionale), i seni gonfiati e le labbra a canotto.

Si era partiti dal curare il corpo per trasmettere l’immagine di un’autorità sana e rassicurante. Si arriva a non accorgersi che proprio tutta quest’ossessione per la fisicità individuale depotenzia l’unicità del valore politico della carica, la fa diventare un manichino come migliaia di altri, o peggio una macchietta, interscambiabile con un divetto della TV o una starletta da réclame pubblicitaria. Il corpo politico è violato nel suo primato rappresentativo, e con esso risultano disperse anche la stima e la deferenza che dovrebbero condizionare l’agire e il sentire del cittadino nei confronti di uno Stato giusto, di un uomo di Stato rispettabile. Siamo alle solite: di nuovo è solo l’immagine che conta. [...]

[...] Un momento però. Per amor di par condicio non ci si può esimere dal citare un altro caso clamoroso che completa il trittico dell’indecenza. Sarà anche vero che Berlusconi è maestro nelle strategie di comunicazione e spettacolarizzazione della politica, ma in Italia ci ritroviamo una sinistra così a corto di idee e di autonoma forza di trascinamento che la cosa che negli ultimi anni le riesce meglio è rincorrere l’avversario scimmiottandone la strategia e le trovate. Con conseguenti (e meritati) pessimi risultati elettorali. Perché infatti, cosa propose Rifondazione Comunista alle elezioni del 2006? Di far accomodare in Parlamento un transessuale dichiarato e dal nome programmatico e provocante, Vladimir Luxuria. Si voleva rompere un tabù? Si voleva che se ne parlasse? Si voleva fare del corpo l’oggetto realissimo del dibattito politico? Ebbene, ci si è riusciti, ma con scarsi o addirittura controproducenti effetti sulla sensibilità politica degli elettori e sul tessuto civile della società.

E non perché il soggetto in causa fosse transessuale: anzi, nelle dichiarazioni e negli atteggiamenti era ben meno scomposto di altri colleghi machissimi o di colleghe dalle fluenti chiome. Nemmeno perché di tutta la sua attività parlamentare di quei due anni l’unica cosa che rimane, non agli atti ma alle cronache, è una disputa sui servizi igienici separati per genere sessuale nei palazzi del potere. Gli idealisti potrebbero pur sempre dire che le grandi battaglie iniziano dai piccoli gesti. E vabbè.

Ma quello che è inscusabile e irrimediabilmente sguaiato è che la nostra Luxuria non aveva ancora fatto in tempo a lasciare lo scranno parlamentare che già si era precipitata su un’isola di ex o pseudo famosi per azzannare mele e sottoporsi a dure prove di sopravvivenza (... mediatica, ovviamente). [...] Non c’è che dire. Altro che politica dei deboli. È il carnevale della politica dei furbi. Proprio un bel modo di portare avanti la causa delle minoranze emarginate. Di onorare la memoria d’essere stato servitore dello Stato e rappresentante del popolo. Una bella testimonianza di politica disinteressata e altruista. Con buona pace delle tante persone che quei problemi di inserimento e socializzazione derivanti da una sessualità ambigua o incerta li vivono quotidianamente sulla loro pelle, e senza indennità parlamentari. [...]


Portfolio

Home | Contatti | Mappa del sito | | Statistiche del sito | Visitatori : 1690 / 3865884

Monitorare l’attività del sito it  Monitorare l’attività del sito culture et CULTURE  Monitorare l’attività del sito Letteratura - lingua - libri   ?

Sito realizzato con SPIP 3.0.21 + AHUNTSIC

-->