Altritaliani

Ciao Katerin!

domenica 17 luglio 2016 di Natale Fioretto

Si è spento Katerin Katerinov, il padre della linguistica italiana moderna per l’insegnamento agli stranieri. Con il suo celebre manuale si sono formati schiere di studenti stranieri ed anche tanti professori che insegnano oggi la nostra lingua in tutto il mondo.

JPEG - 29.2 Kb
Katerin Katerinov

Gli eventi si susseguono senza una logica apparente. Forse la logica è un’esigenza tutta umana per dare un senso allo scorrere del tempo e renderlo, così, comprensibile, prevedibile, sopportabile. Ho conosciuto Katerin Katerinov molto tempo fa in aula XV – chi conosce la disposizione delle aule di palazzo Gallenga, sede dell’Università per Stranieri di Perugia, sa che mi sto riferendo all’aula situata nella porzione più elevata dell’edificio, una specie di “paradiso” – e la notizia della sua scomparsa mi ha raggiunto proprio in quella che per lunghi anni è stata la sua postazione.

Primo fra i docenti della Stranieri a proporre materiali multimediali e unico, per anni, a dedicarsi instancabilmente allo studio della didattica della lingua italiana come L2, Katerin è stato capace di svecchiare e ricreare le teorie glottodidattiche applicandole alla metodologia dell’insegnamento e traducendole in manuali sempre al passo con i tempi e sempre efficaci. Il famoso “libro rosso” - La lingua italiana per stranieri (1985) - ha formato legioni di insegnanti e ancor più di studenti in ogni parte del mondo, laddove l’italiano è apparso come lingua straniera e, oserei dire, come miraggio.

I manuali di Katerin, prodotti in collaborazione con Maria Clotilde Boriosi-Katerinov, non si sono mai limitati a mediare le “regole”, ma si sono sempre posti l’obiettivo di ispirare i discenti in modo da renderli, una volta superata la fase della mera esecuzione di compiti, attori creativi nella comunicazione in una L2.

Con Katerin ho condiviso l’amore per la slavistica; anch’io, infatti, nasco e mi considero slavista prestato all’italianistica, e in lui, come ho avuto modo di ripetere in più occasioni, ho sempre visto lo “starec [1] con cui discutere delle mille incertezze contro cui, da giovane e inesperto insegnante, mi trovavo a combattere quotidianamente.

Katerin mi ha insegnato a sviluppare i materiali didattici modulando le difficoltà e prestando attenzione alla natura e alla frequenza degli errori con metodologia scientifica e oggi, in veste di formatore, non posso prescindere da quegli insegnamenti e soprattutto dall’impostazione di studio e analisi.

L’Università per Stranieri perde uno dei suoi docenti più rappresentativi, un padre nobile che – era nella sua indole – ha sempre eluso i toni roboanti della monumentalità a favore di una umanità che già ci manca e che ancora di più mancherà. Fuor da retorica, davvero siamo più soli. Почивай в мир, приятелю!

Natale Fioretto
Docente Università per Stranieri di Perugia

[1Termine russo che si riferisce ai mistici cristiani ortodossi dotati di particolare carisma e seguito. In questo caso, ovviamente, prescindo dai caratteri mistici.


forum

Home | Contatti | Mappa del sito | | Statistiche del sito | Visitatori : 512 / 4227440

Monitorare l’attività del sito it  Monitorare l’attività del sito culture et CULTURE  Monitorare l’attività del sito Letteratura - lingua - libri   ?

Sito realizzato con SPIP 3.0.21 + AHUNTSIC

-->