Altritaliani

L’élite culturale che non c’è e l’arte della persuasione.

sabato 20 giugno 2015 di Carmelina Sicari

Una volta esistevano gli intellettuali, spesso razionali interpreti del tempo, altre volte visionari capaci di leggere gli sviluppi del mondo. Oggi queste élites, ossia gruppi guida, che sono state alla base di grandi sommovimenti storici e di civiltà, si pensi alla rivoluzione francese, sembrano in via di estinzione.

Chi ha ucciso le élites? L’interrogativo correva su uno dei quotidiani nazionali recentemente.
Nel momento culminante di cambiamenti epocali mancano le élites, ossia gruppi guida. Parliamo di quelle avanguardie intellettuali capaci di interpretare i mutamenti in profondità.
Chi le ha uccise, fatte sparire con un tocco di bacchetta magica?

Eppure esse sono state profondamente utili ai mutamenti sociali e politici.
Senza i philosophes è difficile immaginare la rivoluzione francese. Senza Voltaire, Rousseau.....
Rousseau ha sancito il ricominciamento, la rivoluzione come nuovo inizio, come ritorno ad una realtà primigenia, alla natura: Tutto è buono quello che nasce dalle mani di Dio, tutto diviene maligno, traligna nelle mani dell’uomo.
Dunque torniamo alla natura, all’innocenza!
Chomschij, il grande linguista statunitense, teorico della comunicazione, diceva che appunto ogni vero rivoluzionario deve rifondare il concetto di natura.

JPEG - 30.4 Kb
Rousseau

Ma Saint-Just è stato il teorico del principio nuovo di legittimazione del potere, nuovo di zecca: la compassione. La sua celebre frase: “Les malheureux sont la puissance de la terre” è all’origine delle moderne democrazie. I poveri delegano il potere a chi li rappresenta e perciò il nuovo potere è fondato sulla compassione.
Non più il diritto di sangue, ne’ quello divino, bensì tout court la compassione è il fondamento del potere.

Ma ora che la compassione è al tramonto e le masse dalle teste da tagliare, naufraghi sul Mediterraneo, non sembrano più attirare tanto orrore, dove sono le nuove élites? Come nei migliori gialli, chi le ha uccise le ha anche sostituite. Folle di opinionisti, di editorialisti che manipolano con sentimenti di colpa e persuadono. L’arte della persuasione additata dai sofisti! Socrate preferì morire piuttosto che finire in questa folla di persuasori occulti e palesi e, come dice Nietzsche, creò la coscienza individuale.

L’arte della persuasione da occulta nella pubblicità si è fatta esplicita nella politica e nei talk show.
Qual è la conseguenza? Nessun mutamento è davvero tale.
Come suona un’espressione immortale: tutto muta perchè tutto resti come prima.

A sconvolgere il ritmo della modernità, i barconi che navigano sul Mediterraneo e che ci costringono ad interrogarci senza trovare risposte: perchè quelle élites non ci sono o almeno, lo speriamo, non ancora?
Come quando i barbari si rovesciarono nelle città e nei monasteri, distruggendo ogni cosa, trovarono coscienze pronte a indicare la via dell’integrazione: S.Agostino, S.Ambrogio.
Una nuova civiltà sorse dalle rovine dell’antica Roma.

Così sarà della nostra, anche se ancora non vediamo l’aurora.

Carmelina Sicari


Home | Contatti | Mappa del sito | | Statistiche del sito | Visitatori : 168 / 4412254

Monitorare l’attività del sito it  Monitorare l’attività del sito THEMI e IDEE   ?

Sito realizzato con SPIP 3.0.21 + AHUNTSIC

-->