Altritaliani

Ricordi di scuola. Una riflessione per l’inizio dell’anno scolastico.

giovedì 11 settembre 2014 di Carmelina Sicari

“Ricordi di scuola” (Ed Bur), il titolo celebre di Giovanni Mosca è presente ed ormai divenuto un classico. Lì, nella celebre battaglia con la Vc [1], il maestro aveva avuto la meglio, uccidendo una mosca con la fionda e mostrando un’abilità che lo legittimava agli occhi dei ribelli.

Ma spesso i ricordi di scuola sono banali e straordinari insieme, fatti di quotidianità e di straordinarietà.
La loro caratteristica sta proprio in questa medietà che suscita stupore.

Stupore mi suscitò la scoperta strana del genio in un allievo che sembrava invece condannato ad un handicap.
Un brutto anatroccolo che nascondeva uno splendido cigno.
Era affetto da una disgrafia grave. Cominciava a scrivere dal lato sinistro in alto e poi la parola si contorceva, si ingrandiva e precipitava verso il basso.
Naturalmente in simili condizioni non era in grado di condurre a termine un compito in classe. A meno che non si considerasse il compito formato da un’unica parola o piuttosto lo si considerasse un disegno.
La conclusione fu una e prodigiosa. Io accettai impassibile la sua disgrafia. Facevo raccontare a voce il contenuto dei compiti e dopo ben tre anni, un giorno, mi venne a dire sorridente: "Ora voglio scrivere diritto".
E così fu.
Ora è un genio della chimica e lavora all’estero.

Mi si dirà che è un’eccezione ma l’esempio mi serve per illustrare una maniera di fare scuola, alla Don Milani, per dirla in breve. Il modello è quello della scuola di Barbiana che ai miei tempi era una sorta di Vangelo dei poveri.

Poi un altro esempio, di segno contrario.
Consiglio di classe e sentenza irremissibile per un’allieva per il voto di religione.
Provai ad oppormi.
Non si boccia per il voto di religione.
Scandalo da parte di una docente cattolicissima che pensò bene di deferirmi per oltraggio alla religione all’Ufficio catechistico diocesano e che mi fece pervenire un atto extragiudiziale in cui si citavano vari articoli del concordato.

Conclusione, dato che non si poteva organizzare una vera e propria guerra di religione, allieva bocciata e grave scandalo in tutta la scuola. È tuttavia questo un volto della scuola formalista, arroccata su posizioni punitive.


Dov’è la vera scuola?
Dov’è il tuo prossimo? Suonava la parabola evangelica.
È là dove c’è passione, vicinanza.
La tecnica, l’informazione, la severità fine a se stessa non bastano certo.

Carmelina Sicari

[1Classe terminale delle elementari, sezione C


Home | Contatti | Mappa del sito | | Statistiche del sito | Visitatori : 387 / 4003962

Monitorare l’attività del sito it  Monitorare l’attività del sito culture et CULTURE   ?

Sito realizzato con SPIP 3.0.21 + AHUNTSIC

-->